F1 | McLaren, altro passo verso la IndyCar, acquistato il 75% del team Arrow SP

La Arrow SP diventa di proprietà della McLaren. Con un comunicato ufficiale, la scuderia di Woking gestita da Zak Brown acquisisce la quota di maggioranza del team americano, pari al 75% del totale.

 

Foto: McLaren Arrow SP
Foto: McLaren Arrow SP

La McLaren ha compiuto un altro passo verso il rientro nella Indy Car, dopo un’assenza durata 40 anni e il rientro nella serie americana nello scorso campionato. La transazione sarà completata entro fine anno.

È un forte segnale per il nostro impegno a lungo termine nella IndyCar sia come campionato che come piattaforma di marketing per McLaren Racing e i nostri sponsor“, ha commentato Zack Brown.

Voglio fare un tributo a Sam Schmidt e Ric Peterson i quali, assieme al supporto di Arrow Electronics, hanno costruito un formidabile team per noi per continuare a crescere e raggiungere i nostri obiettivi di essere sempre in lotta per la vittoria, per la Indy 500 e per il titolo“, ha asserito.

La gestione sportiva del team in IndyCar sarà mantenuta dal presidente di Arrow McLaren SP, che continuerà a guidare le operazioni del team, riportando direttamente al consiglio di amministrazione: “La chiave per questo è la continua leadership di Taylor Kiel come presidente del team. Vediamo un reale potenziale per la continua crescita della serie sotto la gestione della Penske Entertainment e continueremo a svolgere un ruolo attivo nel sostenere IndyCar”.

C’è anche una ragione tecnica per questo impegno: la McLaren deve ridimensionare il proprio organico per rispettare il budget cap. Non potendo licenziare i dipendenti, il team ha adottato il trasferimento, inserendo ingegneri del reparto della massima formula nella squadra americana.

Altra ragione sta nella gestione del campionato da parte di Roger Penske, che sembra dare i suoi frutti. Dal punto di vista sportivo, McLaren può dirsi soddisfatta: Pato O’Ward ha due vittorie all’attivo, ed è in piena lotta per il titolo. Per il 2022, il team sta lavorando per schierare una terza vettura a tempo pieno, guidata forse da un pilota ex-F1.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Perez: “Guidare la Red Bull? E’ come affrontare un cambio di categoria”

 

Giuseppe Cinotti

Autore per F1ingenerale.com. E’ appassionato di Formula 1 fin da bambino. Ama questo sport perchè è il suo sogno da sempre. Ama il rumore assordante, l'odore della pista, l'attesa, la tensione, le macchine che scattano impazzite, il brivido, la strada che corre veloce, i sorpassi, la paura di sbagliare, il coraggio, il superare se stessi. Il suo motto: "Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere" cit. Enzo Ferrari.