F1 | McLaren interessata ai title sponsor, ma a due condizioni

Zak Brown non direbbe di no a un accordo di title sponsor per la McLaren in futuro, ma si applicherebbero due condizioni non negoziabili.McLaren title sponsor

Zak Brown non direbbe di no a un accordo di title sponsor per la McLaren in futuro, ma si applicherebbero due condizioni non negoziabili. La McLaren ha goduto del suo ultimo accordo di title sponsor in F1 nel 2013. Questo con la multinazionale britannica di telecomunicazioni Vodafone. Da allora, il team ha fatto affidamento su più accordi commerciali secondari, il cui numero è aumentato sotto la guida di Brown alla McLaren. Ciò  grazie all’americano che ha sfruttato la sua esperienza come guru del marketing degli sport motoristici. Gli accordi di title sponsor e le loro commissioni elevate non sono più così diffusi in F1 come una volta. Un cambiamento che probabilmente riflette, tra le altre cose, la trasformazione del panorama dei media, con l’avvento della digitalizzazione che incoraggia le multinazionali a spendere i loro dollari in pubblicità su più proprietà. Mercedes gode ancora di un accordo di sponsorizzazione del titolo con il fedele partner Petronas. Mentre la Ferrari ha mantenuto il suo legame commerciale di lunga data con Philip Morris attraverso il marchio Mission Winnow.

Il commento di Brown

Brown non è contrario a portare a bordo un importante partner commerciale di primo piano alla McLaren, ma dato il core business automobilistico del gruppo, cedere i diritti di proprietà è fuori discussione per quanto riguarda l’americano. “Penso che ognuno per conto suo ha i propri modelli di business. Mi piace il nome del nostro team come McLaren. Faremmo un accordo per il titolo? Lo faremmo. Lo stiamo attivamente perseguendo? No. Voglio vendere il marchio a livello di titolo? Sì. Ma voglio che siamo conosciuti come McLaren. Mi piace il nostro colore. E così il nostro modello di business si basa sul fare ciò che stiamo facendo, che sta portando grandi partner ma non necessita di uno sponsor principale“.


Leggi anche

F1 | Zak Brown: “Nel 2024 McLaren lotterà per il Mondiale di Formula 1”


Brown sottolinea anche il vantaggio di fare affidamento su un portafoglio di partner più piccoli in termini di impatto minimo che un licenziamento potrebbe avere sul budget della McLaren. Ma i benefici derivanti dall’attivazione degli sponsor sono altrettanto importanti per il marchio. “Penso che i giorni in cui i title sponsor definivano le “dimensioni” degli assegni che facevano storicamente siano finiti, e anche con un title sponsor tendi ad avere, secondo me, troppe uova nello stesso paniere“, spiega Brown. “Preferirei diffondere la nostra sponsorizzazione su un portafoglio di partner.”

L’altra cosa è che, Cisco Webex ha fatto un ottimo lavoro con la campagna TV globale, è davvero importante che i nostri partner ci attivino. Quindi, maggiore è la consapevolezza che Dell, Cisco e DeWalt possono portare al marchio McLaren in tutto il mondo, meglio è che avere tutte le uova nello stesso paniere”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.