F1 | McLaren, Seidl teme Ferrari: “Al momento non siamo neanche la quarta forza, Ferrari ora è un’insidia”

Il boss della McLaren Seidl teme il ritorno di Ferrari in classifica costruttori e afferma che la McLaren al momento non è neanche la quarta forza.

La Ferrari e Mclaren in pista nei test invernali – Foto: XPB Images

A tre gran premi dal termine della stagione 2020, la lotta per il terzo posto in classifica costruttori è ancora molto aperta tra Racing Point, Renault e McLaren. A questo trio si è aggiunta, dopo l’ottimo GP in Turchia, anche Ferrari: ed è proprio il Cavallino che ora il boss della McLaren Seidl teme.

La McLaren, alla vigilia del rush finale del mondiale, si trova al quarto posto in classifica costruttori. Il team di Woking è distante cinque punti dalla Racing Point, terza, e davanti a Renault e Ferrari rispettivamente di 13 e 24 punti.

Il quinto e l’ottavo posto di Sainz e Norris ad Istanbul può far sorridere Seidl, che però non rimane tranquillo: “Il risultato in Turchia ci tiene in gioco per la terza posizione. Al momento però non abbiamo sicuramente né la terza né la quarta monoposto più veloce della griglia“.

E con l’ottimo risultato ottenuto dalla Ferrari, ora la lotta si è allargata a quattro squadre. Così ha parlato Seidl, che si è dimostrato particolarmente dubbioso riguardo le chance di agguantare la P3 costruttori al termine della stagione.

Il team principal della squadra britannica mostra timore anche nei confronti del ritorno della Ferrari: So cosa può fare un team con le risorse della Ferrari. Non è una sorpresa che siano tornati nel corso dell’anno”, ha ammesso il boss McLaren Andreas Seidl.

Non abbiamo mai sottovalutato la forza del team di Maranello. Oltre a risorse cospicue hanno una grande squadra e due grandi piloti, questa è la realtà in cui ci troviamo”.

Ora è importante concentrarsi su noi stessi per ottenere il massimo da tutto quello che abbiamo”, ha detto il tedesco. La macchina è comunque competitiva ed è un grande step avanti rispetto al 2019, ma allo stesso tempo i nostri rivali sono molto forti. Speriamo di mantenere la battaglia viva fino ad Abu Dhabi“, ha concluso Seidl.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Chase Carey: “Obiettivo 24 gare in calendario nei prossimi anni, con alcuni GP a rotazione”

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.