Analisi TecnicaFormula 1

F1 | Mercedes, la W15 fa già discutere: ala anteriore furba ma al limite del regolamento?

La Mercedes W15 ha mostrato un nuovo concetto di ala anteriore che sarà sicuramente al centro dell’attenzione dei team rivali.

Nella giornata di oggi Mercedes ha mostrato la monoposto 2024. La nuova macchina rappresenta un cambiamento sostanziale rispetto alle due vetture precedenti. Il team tedesco non ha poi perso tempo ed è subito sceso in pista per uno shakedown. La nuova Mercedes W15 ha già catturato l’attenzione per un dettaglio particolare sulla nuova ala anteriore.

mercedes w15 ala anteriore filiming day shakedown george russell lewis hamilton nuova macchina 2024
Dettaglio della nuova ala anteriore Mercedes

Soluzione innovativa

Mercedes ha completamente rivisto il disegno della suo frontale. Il muso è ora più corto e si aggancia al penultimo elemento. Troviamo quindi uno spazio tra questo ed il main plane come abbiamo visto anche su altre vetture. In questo modo si va a liberare un soffiaggio per l’aria sotto al muso.

La parte più interessante ed innovativa è però più in alto. Guardando l’ultimo flap si nota infatti come questo vada a “collassare” sul terzo profilo dell’ala (freccia viola). In questo modo si è davvero al limite della legalità. Il profilo infatti è tecnicamente, e regolarmente, connesso al muso ma lo è in maniera molto furba. Prima di questa soluzione Mercedes, i profili dell’ala anteriore erano sempre direttamente collegati al musetto e non tramite altri profili.

Perché l’ala Mercedes potrebbe essere illegale?

L’idea avuta da Mercedes sull’ala anteriore è molto interessante perché genera un vortice che va a migliorare la qualità del flusso in ingresso ai venturi. L’effetto cercato è un po’ quello del vortice Y250, che trovavamo sulla vecchia generazione di vetture, anche se qui in maniera molto minore. Inoltre, facendo terminare l’ultimo profilo sul terzo, si libera maggiore spazio nella zona centrale (freccia arancio). I tecnici di Brackley hanno aperto quindi un maggiore passaggio per l’aria verso il corpo della monoposto.

Non si tratta però della rinascita del vortice Y250. Quello veniva generato più in basso e proprio a 250 mm dalla mezzeria della vettura (da qui il nome). Questo perché il regolamento consentiva ai team di lavorare sui profili solo da quel punto in poi. L’idea qui è simile ma meno intensa.


Leggi anche: F1 | Allison sui segreti della nuova Mercedes W15: “Ecco cosa è cambiato”


Sulla carta la nuova ala rispetta tutti i requisiti del regolamento ma la FIA potrebbe comunque non vederla di buon occhio. Questo perché lo spirito delle nuove regole era proprio quello di eliminare tutti quei vortici che le vetture precedenti generavano e che andavano a sporcare l’aerodinamica delle macchine che inseguivano.

Mercedes ha sicuramente trovato un’idea molto furba. Se questa porterà dei vantaggi effettiva lo dirà solo la pista. Sicuramente sia i team rivali che la Federazione monitoreranno con attenzione la W15.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter