F1 | Mercedes usa il DAS, Red Bull studia un reclamo

Helmut Marko lo aveva già anticipato prima del Gran Premio d’Australia, poi cancellato: Red Bull avrebbe protestato contro l’utilizzo del DAS sulla W11 se il sistema fosse stato applicato. Mercedes DAS Red Bull

Mercedes DAS Red Bull
Foto: Auto Motor und Sport

Siamo solo al primo venerdì d’azione del 2020 per le libere del Gran Premio d’Austria e già partono le prime proteste. Mercedes DAS Red Bull

Red Bull intende chiedere chiarimenti alla Federazione Internazionale dell’Automobile sull’utilizzo del sistema DAS sulle W11 tinte di nero di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Le due vetture della casa di Stoccarda stanno provando il funzionamento del sistema sul tracciato di Spielberg già dalla prima sessione di libere.

 

Per noi, il sistema non rispetta le regole. Così protesteremo quando la Mercedes userà il sistema a Melbourne.” Disse Helmut Marko alla vigilia del Gran Premio d’Australia.

In Red Bull non sembrano aver cambiato idea in questi mesi di lockdown con motori spenti.

Christian Horner ha infatti dichiarato a Sky UK che chiederanno spiegazioni e faranno delle domande alla FIA sul tanto discusso Dual Axis Steering.

“Tutto deve guadagnare il suo posto sulla macchina. È un sistema intelligente, è un sistema ingegnoso. Ma queste regole sono così complesse da non permetterti di capire semplicemente se è conforme al regolamento.” continua Horner.

F1 | Mercedes spiega com’è nata l’idea del DAS

La Ferrari aveva considerato di introdurre il DAS ma poi deciso di non andare avanti con l’idea, parzialmente a causa della possibile illegalità del progetto.

Il DAS non sarà più regolare dal 2021 secondo le nuove norme del regolamento, mentre la FIA aveva autorizzato la configurazione attuale del sistema dopo aver bocciato la primissima soluzione. 

Seguici su Telegram, FacebookInstagramTwitter.

F1 | Vettel: “E’ accaduto l’opposto di quanto mi è stato comunicato, uno shock. Mercedes un’opzione”

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.