Formula 1

Michael Masi, nuova opportunità in FIA? Ben Sulayem è deciso

L’addio dopo Abu Dhabi 2021, ora uno spiraglio per il ritorno: Ben Sulayem apre alle possibilità di Michael Masi in FIA.

È difficile per gli appassionati di F1 di oggi non collegare – con un impeccabile automatismo – il nome di Michael Masi agli episodi di Abu Dhabi 2021: l’ex Direttore di Gara “ha passato l’inferno”, ora il boss della FIA Ben Sulayem potrebbe riconcedergli una chance.

f1 masi michael abu dhabi ben sulayem fia
Foto: @IndySport Twitter – Copertina: @FIAsteward Twitter

Latifi a muro, Safety Car, poi lo sdoppiaggio tardivo dei piloti ed il finale thriller dell’ultimo giro. La gara di Yas Marina del 2021 fu l’ultimo capitolo dell’avventura di Michael Masi nel ruolo di Direttore di Gara della F1.

Salito allo scranno dell'”arbitro” del Circus dopo la morte di Charlie Whiting nel 2019, l’australiano fu rimosso dal proprio ruolo successivamente al fatidico gran premio di Abu Dhabi del 2021.

Esecrato da alcuni, criticato dai più, Michael Masi potrebbe tornare alla ribalta con il sostegno del presidente della FIA, Mohammed ben Sulayem. Il 62enne emiratino è tornato, in una recente intervista, sugli eventi di quel GP di fine ’21.

Ben Sulayem ha ribadito come ogni sua dichiarazione sia superflua. “Io mi scuso sempre, ma non posso scusarmi per qualcosa che è avvenuto prima che arrivassi io!”

Poi la proposta che provoca: “Ok, chiederò scusa, ma a quel punto riporterò Michael Masi. Credete sia giusto così?”


Leggi anche: F1 | Ferrari in risalita, un dato fa ben sperare in vista del 2024


Il massimo dirigente della Federazione ha empatizzato con l’ex direttore di gara. Ben Sulayem ritiene eccessivo quanto subìto da Masi: “Quel pover uomo è stato attaccato oltremisura.”

Michael Masi ha passato un inferno! L’inferno! Se dovessi vedere un’opportunità per la FIA e Masi dovesse essere la giusta persona, lo riporterò.”

Per concludere, l’imprenditore originario di Dubai ha raccontato le risposte che fornì ai tifosi dell’inglese Hamilton quando lo “intimarono” a rivoltare l’esito del 2021: “Alcuni mi hanno minacciato di morte perché avevo il potere di cambiare il risultato. Ho però detto loro: ‘Scusate, il mondiale del 1966, Inghilterra contro Germania Ovest, quello fu corretto? L’hanno cambiato? No. Hanno dato il trofeo alla Germania Ovest? Nein.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter