F1 | Mick Schumacher alla guida della F2004 al Mugello

Seconda esperienza per il tedesco con la monoposto più vincente del padre, che porterà in giro per il circuito toscano prima della partenza del Gran Premio.

Mick Schumacher F2004

Non disputerà alcuna sessione di prove libere, ma una Formula 1 la porterà comunque in pista. Per la seconda volta dopo il Gran Premio di Germania dello scorso anno, Mick Schumacher guiderà sulle curve del Mugello la F2004 di suo padre, monoposto leggendaria del Cavallino. Con essa, il Kaiser si assicurò ben tredici vittorie, e il titolo Mondiale per la settima volta.

Un’altro grande indizio sul futuro del 21enne, che molto probabilmente sbarcherà in F1 il prossimo anno. Di test Mick ne ha fatti tanti, già dal 2017, quando fece un giro a Spa con la Benetton B194, quella del primo Mondiale di Schumi. L’anno scorso, oltre alla già citata F2004, testò in Bahrain le monoposto di Ferrari e Alfa Romeo. Due vetture che, probabilmente, potrebbero vederlo in azione in futuro.

La Ferrari cerca quindi di celebrare al meglio la ricorrenza dei suoi 1000 Gran Premi. Dopo la livrea speciale svelata oggi, porterà uno Schumacher su una vettura rossa per la terza volta.

Sicuramente, la scelta di Ferrari di mettere Mick Schumacher alla guida della F2004 proprio al Mugello non è casuale. Michael infatti, sempre sulla medesima pista, provò la monoposto per la seconda volta proprio nell’anno del suo settimo titolo. Ed era proprio qui che il tedesco si rese conto del reale potenziale della vettura. Week-end dunque tutto a tempo pieno per Mick.

Dopo le prove libere e le qualifiche di F2 al venerdì, dovrà cimentarsi nella Feature Race di sabato. Passerà poi alla Sprint di domenica e a questo importante quanto simbolico test. Il fine settimana sarà fondamentale per lui anche in ottica campionato. Con due buone piazzamenti, potrebbe perfino scalzare Callum Ilott dalla vetta e imporsi leader per la prima volta.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Imola punta ad accogliere 13.000 tifosi per la gara di novembre

Simone Casadei

I sogni bisogna inseguirli da giovani. Quella che ora è solo pura passione, cercherò di trasformarla al più presto nella mia vita, nel mio lavoro.