F1| Mick Schumacher nominato pilota di riserva Ferrari nel 2022

Mick Schumacher e Antonio Giovinazzi saranno i piloti di riserva per il team Ferrari nel 2022. I due piloti si alterneranno nel corso della stagione. Giovinazzi sarà impegnato con la Formula E, Mick continuerà a correre come titolare in Haas.

Schumacher riserva Ferrari 20

Nella stagione di Formula 1 2022, Mick Schumacher correrà a tempo pieno per la Haas, ma sarà anche pilota di riserva della Ferrari per 11 gare.

Mick, figlio del sette volte campione del mondo Michael Schumacher, che ha vinto cinque titoli con la Ferrari nei primi anni 2000, fa parte della Ferrari Driver Academy.

Nel caso in cui i piloti Ferrari titolari, Charles Leclerc e Carlos Sainz Jr, non fossero disponibili, Mick correrebbe con Ferrari.

Sarà la sua seconda stagione l’anno prossimo, è un pilota Ferrari, proveniente dall’accademia Ferrari“, ha detto il team principal Ferrari Mattia Binotto.

Sono molto felice che possa far parte del team come pilota di riserva ogni volta che sarà necessario, ma spero di no“.


Leggi anche: F1 | Jean Alesi fermato dalla polizia in Francia: “Danni a proprietà con ordigno esplosivo”


Per le restanti 12 gare, Giovinazzi continuerà a essere pilota di riserva della Ferrari, avendo avuto un accordo simile a Schumacher fino al 2021. Giovinazzi ha perso il suo posto in Alfa Romeo alla fine di questa stagione, e da allora si è trasferito in Formula E, dove correrà per Dragon.

Binotto ha confermato che Giovinazzi sarà disponibile anche per i team clienti Ferrari Alfa Romeo e Haas il prossimo anno se uno dei due richiedesse un pilota di riserva.

Schumacher non è riuscito a segnare punti nella sua stagione da rookie in F1 con la squadra Haas, ma Binotto è rimasto impressionato dai suoi progressi durante l’anno.

Il motivo per cui abbiamo Ferrari Driver Academy è identificare chi può essere il pilota Ferrari per il futuro. Se un pilota sta facendo bene, senza dubbio che potrebbe avere l’opportunità di diventare pilota titolare“, ha detto Binotto.

Penso che Mick durante la stagione abbia fatto bene. Si è migliorato, non solo in termini di costanza, ma anche in termini di velocità. Se guardo alle ultime gare, era molto più vicino alle macchine davanti, mentre Haas non ha sviluppato affatto la vettura. Quindi il fatto che fosse più vicino è che ha dimostrato di avere un buon miglioramento sulla velocità stessa“.

Binotto ha ritenuto importante anche assicurarsi che almeno uno dei piloti di riserva della Ferrari per il prossimo anno avesse esperienza con le nuove vetture previste per il 2022.

Quelle auto saranno davvero molto diverse da quella attuale per stile di guida. Penso che sarà importante avere un pilota che conosca quelle auto come pilota di riserva“, ha detto Binotto.

Posso ancora contare su Antonio perché è un buon pilota, lo ha dimostrato. Antonio seguirà un programma con il simulatore per adattare lo stile di guida alle monoposto 2022“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.