F1 | Minardi: ”Per il dopo Vettel avrei scelto Giovinazzi”

Giancarlo Minardi dice la sua sulla separazione tra Ferrari e Sebastian Vettel, dichiarando che avrebbe scelto Antonio Giovinazzi per il 2021 e ha parlato della nuova stagione che partirà tra un mese

minardi giovinazzi
© F1Sport

La querelle delle ultime settimane dell’addio di Sebastian Vettel dalla Ferrari e la conseguente scelta della Rossa di puntare su Carlos Sainz per il 2021 continua a tener banco. Tante le personalità di spicco della Formula 1 che si sono espresse sulla questione. L’ultimo di questi è il grande Giancarlo Minardi, intervistato dal QN, che avrebbe  puntato sul nostro Antonio Giovinazzi:

Fossi stato ai vertici della Ferrari, io per il dopo Vettel avrei scelto Antonio Giovinazzi. In questo particolare periodo storico, avrei tutelato il sentimento patriottico italiano. Devo dire, però, che al netto di tutto questo, la scelta di Sainz va nella giusta direzione.

Tanti i nomi dei candidati al sedile della Rossa circolati sui giornali, da Hamilton a Ricciardo, da Giovinazzi a Sainz. E proprio sullo spagnolo, il profilo scelto dalla Ferrari, il manager di Faenza ha dichiarato quanto segue:

“Sainz merita quel sedile? Dieci anni fa circa, suggerii a Maranello l’inserimento del giovanissimo Carlos nel programma dell’ Accademia del Cavallino. Questo non è successo, ma a me Sainz piaceva già allora. La Ferrari troverà un pilota solido, che non commette errori e che porta la macchina al traguardo. Avrei preferito Giovinazzi – dice Minardi- per orgoglio italiano, ma capisco le motivazioni della scelta presa

Per quanto riguarda, invece, il futuro da separato in casa di Sebastian Vettel in rosso nel 2020, il manager di Faenza vede due possibili strade:

Se Seb continuerà anche nel 2021, vorrà dimostrare ancora il suo valore e sarebbe un bel problema da gestire per Binotto. Non vorrei essere al suo posto. Se invece Vettel deciderà di smettere e di ritirarsi, tutto sarà più semplice per il team”  

Certo, ma c’è ancora una stagione da disputare. Con l’ufficializzazione delle date dei primi otto GP europei, sta prendendo vita un campionato insolito, diverso. Quest’anno vedremo doppi eventi sugli stessi circuiti, il tutto rigorosamente a porte chiuse a causa della pandemia, e probabilmente la nascita delle sprint race al sabato in alcune gare. Novità e idee che Minardi ha accolto così:

“Quest’anno vedremo correre delle doppie gare su alcuni circuiti come Austria e forse anche Inghilterra e Italia. Per un appassionato non sarà sicuramente il massimo dello spettacolo ma riconosco che bisogna affrontare il mondo nuovo che si para davanti a noi. Sprint race? Vade retro Satana. Va bene la ricerca dello spettacolo, però lo sport non è il circo. Senza scomodare Enzo Ferrari, ricordiamoci che l’automobilismo è competizione, è passione, è tecnologia. Se diventa una lotteria, meglio lasciar perdere…”

Seguici su Telegram, Facebook e Instagram

F1 | ONLINE la seconda puntata di F1inPodcast. Tra nuovi regolamenti e crisi economica, la F1 riparte!

Francesco Maggio

Appassionato di Formula 1 sin da bambino. Michael Schumacher e Fernando Alonso i miei idoli.