F1 | Nessun nuovo motorista entro il 2026, ma le nuove Power Unit saranno economiche ed ecosostenibli

Ross Brawn, direttore e responsabile del campionato, non prevede l’entrata nel campionato di nuovi costruttori entro il 2026. Ma ai vertici si sta lavorando verso un propulsore economico e che utilizzi un carburante ecosostenibile per attrarre nuovi investitori.

Ross Brawn Nuovi Costruttori
Ross Brawn – Foto: Autosport

Le costose e complicate Power Unit hanno allontanato i motoristi dalla categoria regina, che non vede nuovi marchi dal drammatico ritorno di Honda nella stagione 2015.  E secondo quanto dichiarato da Ross Brawn, dovremo attendere altri sei anni prima di assistere al debutto di nuovi costruttori in Formula 1. Un’entrata di Porsche, tanto chiacchierata nelle ultime stagioni, è dunque da escludere, nella speranza che i nuovi propulsori che FIA e le squadre stanno pensando possano essere più accessibili a chi decide di affacciarsi alla vetrina della F1. Ma i lavori si stanno svolgendo proprio in questa direzione.

I nuovi motori un’opportunità per accogliere nuovi costruttori

“Con la FIA ed i costruttori stiamo lavorando a come dovrà essere la nuova generazione di motori – ha dichiarato Ross Brawn a motosport.com – e credo sia un’opportunità per accogliere nuovi costruttori, dobbiamo pensare ad una nuova specifica per riuscirci. Stiamo ragionando su quale sia il powertrain migliore per quel periodo.”

Ross Brawn ha poi specificato quali sono le caratteristiche che stanno ricercando nello sviluppare i nuovi motori:

“Sappiamo quali sono gli obbiettivi: deve essere adeguato al periodo, economico, e deve essere anche un buon propulsore da corsa. Sappiamo cosa vogliamo raggiungere, ma dobbiamo ancora definire come sarà. Continuamo a credere che ci sono vari approcci alternativi per le soluzioni del futuro. Non crediamo che ce ne sia solo una. [l’elettrico, ndr].

Carburanti sostenibili la chiave del futuro

Crediamo che possiamo ricoprire una posizione interessante – continua Brawn. Carburanti sostenibili sono una gran cosa per noi, perchè qualunque sia il motore che avremo, il combustibile sarà la parte più rilevante. Con alcuni dei nostri partner stiamo lavorando ad un piano per introdurre carburanti sostenibili in F1. Sarebbe un passo importante per il futuro. Ma al momento non ho idea di come sarà il propulsore.

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"