F1 | Solo una reprimenda per Hamilton: le motivazioni dei commissari

Lewis Hamilton non ha ricevuto nessuna penalità per la manovra fatta al giro 53. L’inglese rimane il vincitore del GP di Germania e leader della classifica piloti con 17 punti.

Alla fine della gara Hamilton è stato convocato dagli Stewards per chiarire la possibile violazione dell’articolo 4.5 del regolamento sportivo: “Escluse cause di forza maggiore, un pilota non può sorpassare la linea bianca che divide la pitlane e la pista”.

L’alfiere Mercedes ha commesso questa azione nel giro 53 quando dal team gli sono stati dati due ordini diversi: “Entra ai box” e “No, resta fuori”. L’inglese seguendo il primo ordine ha preso la via del box ma quando gli è stato dato il secondo ha attraversato la linea bianca per ritornare in pista.

© F1

Il leader del mondiale ha rimediato solamente una reprimenda (la prima stagionale), nonostante gli Steward abbiano appurato l’effettivo taglio. Il 44 non è stato penalizzato per questi motivi:

1) Il pilota e il team hanno ammesso il loro errore, causato dalla confusione di rimanere in pista o no.

2) L’infrazione è avvenuta sotto la Safety;Car

3) Non si è mai verificato un pericolo per altri piloti, visto che il cambio di direzione è avvenuto in maniera sicura.

Ricordiamo che;nelle situazioni precedenti,;nelle quali si;è optato per una penalità, c’è;sempre stato un;divieto esplicito cosa che non c’era in Germania. Per questo i casi che hanno visto protagonisti Massa in Brasile nel;2013, Sainz in Russia nel;2015, Raikkonen a;Baku nel;2016 e Wehrlein in;Spagna nel 2017 si sono conclusi con;una penalità.


Il comunicato: poi

F1 | GP Germania – Hamilton: “È davvero incredibile, una vittoria fantastica.”

F1 | Solo una reprimenda per Hamilton: le motivazioni dei commissari
Lascia un voto
mm

Giada Di Somma

Ragazza appassionata di motorsport fin da bambina. Autrice su F1 in Generale e blogger su Instagram (_sv_05_).