F1 | Netflix ha pubblicato il trailer del documentario di Michael Schumacher in uscita il 15 settembre

Netflix ha rilasciato il primo trailer per il suo prossimo documentario su Michael Schumacher in uscita il 15 settembre. Sono inclusi i contributi della famiglia del sette volte campione del mondo di Formula 1 e di Sebastian Vettel.Schumacher Netflix 15 settembre

Schumacher” uscirà su Netflix il 15 settembre e esplorerà il successo del tedesco in F1 e la vita fuori pista con il pieno supporto della sua famiglia. Il film è stato annunciato a luglio, ma Netflix ha ora rilasciato il primo trailer del documentario. Questo presenta interviste con il padre di Schumacher, sua moglie e i suoi due figli. In uno spezzone simbolico, il figlio Mick afferma: “Quando lo guardo, penso: ‘Voglio essere così'”.

Anche l’attuale pilota dell’Aston Martin, Vettel fa parte del trailer. Il tedesco ha ammirato Schumacher per tutta la sua carriera agonistica. Schumacher segna l’ultima incursione di Netflix nella F1. Ciò dopo aver ottenuto un notevole successo con la sua serie Drive to Survive.


Leggi anche

F1 | Le nuove regole del 2022 modificheranno i pit stop


I commenti al documentario

Il film è stato descritto dalla manager di lunga data di Schumacher, Sabine Kehm, come “il dono della famiglia al loro amato marito e padre” nel momento in cui è stato annunciato. “Michael Schumacher ha ridefinito l’immagine professionale di un pilota da corsa e ha fissato nuovi standard“, ha affermato Kehm. “Nella sua ricerca della perfezione, non ha risparmiato né se stesso né la sua squadra, guidandoli verso i più grandi successi. È ammirato in tutto il mondo per le sue doti di leadership. Ha trovato la forza per questo compito e l’equilibrio per ricaricarsi a

La regista, Vanessa Nocker, ha affermato che la moglie di Schumacher, Corinna, è stata “il nostro più grande sostegno in questo” nella realizzazione del film. “Lei stessa voleva fare un film autentico, per mostrare Michael così com’è, con tutti i suoi alti e bassi, senza alcun addolcimento”, ha detto Nocker. “È stata abbastanza brava e coraggiosa da permetterci di fare ciò che volevamo, quindi abbiamo rispettato e mantenuto i suoi limiti. Una donna molto stimolante e calorosa che ha lasciato un’impressione duratura su tutti noi.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.