A TCFormula 1

F1 | “Non l’ho scoperto io”, la rivelazione di Massimo Rivola su Leclerc

In occasione della festa per i quarant’anni della Prema, Massimo Rivola ha parlato di chi è stato a scoprire il talento di Charles Leclerc.

Sono diverse le figure principali dietro ai numerosi successi ottenuti dalla Ferrari Driver Academy negli ultimi anni. Tra queste c’è sicuramente quella di Massimo Rivola che nel 2009 riuscì a mettere sotto contratto Charles Leclerc.

massimo rivola charles leclerc
In occasione della festa per i quarant’anni dalla fondazione della Prema, Massimo Rivola ha parlato di chi è stato a scoprire il talento di Charles Leclerc – Fonte immagine: @GrandSlamRacing

In occasione della festa per i quarant’anni dalla fondazione della Prema, l’attuale Amministratore Delegato di Aprilia Racing ha parlato del momento in cui ha ingaggiato il talento monegasco.


Leggi anche: F1 | “Parlo con metà griglia”, Vasseur chiarisce i rumors sul passaggio di Hamilton in Ferrari


Non ho scoperto io Leclerc. L’ha fatto una persona che oggi non è più con noi e si chiamava Jules Bianchi”, ha dichiarato Massimo Rivola. “Charles è uno di quei piloti che quando serve è in grado di tirare fuori quel qualcosa in più. È difficile da spiegare. È un mix di fame e talento che in pochi hanno.

massimo rivola leclerc bianchi
Jules Bianchi con Charles Leclerc – Foto: Mowmag.com

C’è dunque la figura di Jules Bianchi dietro la storia d’amore tra Charles Leclerc. Una storia d’amore iniziata tanti anni fa e destinata a proseguire con il tanto atteso annuncio del rinnovo. Sembra infatti essere ormai solo questione di giorni prima che Ferrari annunci il nuovo contratto del pilota monegasco.

Inoltre, stando a quanto dichiarato da diversi addetti ai lavori, uno dei sedili sarebbe stato di Jules prima o poi. Il francese oggi avrebbe poco più di trentaquattro anni e magari al suo fianco in Ferrari ci sarebbe potuto essere proprio quel Leclerc da lui scoperto.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Fonte dell’immagine di copertina: Sport Fair