F1 | Norris: “Il cordolo dell’incidente di Schumacher va cambiato prima della gara”

Lando Norris sostiene che il cordolo in curva 10 che ha causato l’incidente di Mick Schumacher durante le qualifiche del Gran Premio dell’Arabia Saudita debba essere sostituito prima della gara.

Norris incidente schumacher
© Copyright: Coates / XPB Images

Il cordolo su cui si è verificato l’incidente di Mick Schumacher nel Q2 del Gran Premio dell’Arabia Suadita preoccupa Lando Norris in vista della gara. Il tedesco della Haas ha subito un impatto da 33G dopo aver perso la sua VF-22 sul cordolo entrando in curva 10. L’auto era completamente distrutta e Schumacher è stato portato in ospedale per accertamenti, per poi passare la notte in hotel e tornare nel paddock già nella mattinata di domenica.

Un evento simile si è verificato anche durante le prove libere della Formula 2. Il pilota della Charouz Cem Bolukbasi ha colpito lo stesso cordolo ed ha subito una commozione cerebrale. Il turco è stato quindi dichiarato unfit e non ha preso parte alle altre sessioni del weekend.

“Era molto evidente dalla F2 perché lì devi anche tenere le macchine molto basse. Ci sono stati due incidenti e Cem è finito in ospedale. Penso solo che con questo tipo di auto non si possa avere un cordolo così aggressivo alla velocità tale a cui corriamo. Ciò che peggiori le cose, credo, sia il modo in cui è inclinato: se sbagli un po’ la conseguenza è un grosso incidente come abbiamo visto.” ha detto Norris in un’intervista per RaceFans.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Schumacher e l’incidente da 33G: dalla paura al ritorno nel paddock


“Penso che con questa era di auto, per come devi guidarle e come sono progettate, alcuni cordoli durante l’anno potrebbero dover cambiare; penso che questo sia uno di questi. Deve essere modificato e cambiato un po’ perché soprattutto in una situazione di gara, se stai seguendo o hai solo un po’ di sottosterzo a causa dell’aria sporca e così via, non per colpa tua, puoi farti sorprendere e finire in un posto brutto. Quindi penso che debbano cambiarlo per la gara.” aggiunge Norris.

Per concludere, il britannico crede che le barriere TecPro non cambierebbero la situazione: “Non credo che si possa davvero mettere una TecPro lì perché poi ti respinge fuori. È solo la forma di quella sezione un po’ strana. Se avessi una TecPro lì e la colpissi, potrei facilmente entrare in pista, che è il problema. Penso che, a parte il cordolo stesso, probabilmente tutto è al miglior stato possibile… A meno che non sia molto più largo, ma questo vanifica la natura del circuito stesso”.

Norris partirà dalla undicesima casella e cercherà di conquistare i primi punti stagionali per una McLaren in netta ed inaspettata difficoltà in queste prime gare della stagione.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.