F1 | Obiettivo ‘Green’ ma il calendario 2023 dice altro: i team percorreranno più di 133 mila chilometri

Tra distanze e tempismo, il nuovo calendario per la stagione 2023 di F1 fa discutere addetti ai lavori e appassionati.

f1 calendario 2023
Tra distanze e tempismo, il calendario F1 per il 2023 fa discutere addetti ai lavori e appassionati – Foto: unknown

Ormai da tempo la Formula 1 si è posta l’obiettivo di diventare più ‘Green’ nei prossimi anni. L’introduzione delle nuove benzine E10 sono rappresenta solo l’ultima delle iniziative intraprese da Domenicali per cercare di ridurre al massimo le emissioni.

A tal proposito, ha fatto molto discutere il calendario per la stagione 2023 di F1 approvato recentemente. Osservando le ventiquattro gare che daranno vita alla settantaquattresima edizione della regina del motorsport, si può notare come appuntamenti molto vicini in calendario non siano altrettanto vicini dal punto di vista geografico.

Team e piloti dovranno infatti percorrere in totale circa 133 570 km per spostarsi da un circuito all’altro, senza conteggiare i viaggi per tornare nelle rispettive sedi al termine dei weekend di gara.


Leggi anche: F1 | Il programma del GP di Las Vegas 2023, un evento “senza precedenti”


Ad esempio, dopo le due gare in Medio Oriente, il terzo Gran Premio si disputerà a Melbourne, a 12,787.54 km da Jeddah. 8,182.33 sono i chilometri che dividono la Florida dall’Autodromo dedicato a Enzo e Dino Ferrari. Il primo dei due weekend italiani previsti darà il via alla cosiddetta “stagione europea” (interrotta solo dalla trasferta intercontinentale di Montreal) e, come già accaduto nel 2022, seguirà il GP di Miami, previsto per inizio Maggio, cinque mesi prima dell’altro appuntamento a Stelle e Strisce di Austin.

Scelte organizzative che sembrano andare contro quello che è l’obiettivo del Circus. Inoltre, anche le squadre hanno mostrato il loro disappunto a riguardo visto che sono stati avvisati dell’approvazione del calendario solo un paio d’ore dell’ufficialità.

F1 calendario 2023
Il nuovo calendario di F1 per la stagione 2023 fa discutere: team e piloti costretti a coprire distanze enormi – Foto : f1ingenerale via distance.to

Sulla questione dell’indirizzo intrapreso dalla Formula 1 si è espresso anche Charles Leclerc. Il pilota monegasco, ospite del podcast Muschio Selvaggio, ha infatti parlato anche di questo tema. “Già questa stagione sono state introdotte le nuove benzine, meno inquinanti rispetto al passato. Ovviamente l’obiettivo deve essere quello di rispettare il più possibile l’ambiente ma mantenendo intatto il DNA del nostro sport, ha dichiarato Leclerc.

“Per quanto riguarda i motori penso che si lavorerà sempre di più sull’ibrido. Andare nella direzione della Formula E? Credo ci siano altre alternative all’elettrico che per adesso non sono ancora tanto sviluppate ma che in futuro potrebbero diventare protagoniste. Penso all’idrogeno, ad esempio”, ha poi aggiunto il monegasco della Rossa.

Seguici anche su Instagram

Gianluigi Paolucci

Studio Ingegneria Meccanica al Politecnico di Milano. Appassionato di F1, spero di poterne far parte un giorno