F1 | Otmar Szafnauer torna sul rinvio di Melbourne

Otmar Szafnauer ha voluto riaprire la questione del rinvio del Gran Premio d’Australia. La Federazione aveva preso la decisione di cancellare il weekend dopo che un membro della McLaren era risultato positivo al Corona virus.

Otmar Szafnauer
Otmar Szafnauer – Foto f1reader

Dopo dei test pre stagionali strabilianti, la Racing Point era arrivata in Australia con non poco ottimismo. Secondo alcuni avevano una macchina migliore della SF1000, tant’è che qualcuno inizio a parlare di “Mercedes rosa”, alludendo alle somiglianze con la W10.

Proprio per queste ragioni il team di Lawrence Stroll era tra i pochi, insieme a Alpha Tauri e Red Bull, a voler portare a termine il weekend. In delle recenti dichiarazioni, il Team Principal dell’ex Force India, Otmar Szafnauer, ha voluto riaprire la questione.

“La riunione del Giovedì è finita alle due di notte. In quel momento la maggioranza era favorevole a correre. Siamo andati a letto sereni, pronti a iniziare l’attività in pista. Poi mi sono svegliato e mi hanno detto ‘Non si corre’. Sono rimasto abbastanza scioccato da quella decisione visto che poche ore prima era stata presa una direzione opposta.

Certo, non era possibile prevedere il futuro. Ma ripensandoci oggi sono convinto che si sarebbe potuto correre. Il rischio di essere contagiati era molto basso e saremmo potuti andare avanti con il weekend. Il governo australiano ci aveva dato l’ok. I dubbi erano molti e per questo la federazione ha deciso di essere prudente, forse troppo”.

Subito dopo l’ufficialità del rinvio, Jean Todt aveva sottolineato come, nonostante alcuni fossero favorevoli a correre, la situazione si stava evolvendo troppo in fretta e i rischi erano troppo.

Ti piacerebbe scrivere news o approfondimenti sulla F1, MotoGP o qualsiasi altra categoria motoristica?
F1inGenerale è alla ricerca di nuovi editori.Clicca qui per info

Guardando gli effetti che la pandemia sta avendo in questi giorni, la decisione della Federazione sembra essere stata quella più corretta. Certo, tutti noi appassionati avremmo voluto assistere al Gran Premio, ma la sicurezza di piloti, tifosi e addetti ai lavori viene prima del divertimento.

Seguici anche su Instagram

F1 | Charles Leclerc: “Mi trovo bene con Vettel”