Formula 1

F1 | Sanremo nel paddock: quando i piloti si sono improvvisati cantanti – VOTA

Quali piloti di F1 potrebbero sbancare a Sanremo? Tutte le volte in cui i piloti del Circus sono diventati cantanti nei team radio.

Febbraio significa test, presentazioni, fire-up e quest’anno anche Hamilton-Ferrari e caso Horner. Ma non solo. Febbraio è anche il mese del Festival di Sanremo: i big in gara sono tanti e di spessore, eppure nel Circus c’è che chi potrebbe insidiarli, negli anni molti piloti di F1 si sono trasformati in cantanti nei propri team radio e non solo.

Immagine
Foto: @theJudge13Twts

Diversi piloti di Formula 1 attuali o del passato hanno un rapporto piuttosto stretto con la musica. Negli ultimi anni, per menzionare i più celebri, sono emersi i talenti musicali di Charles Leclerc e Lewis Hamilton. Del monegasco della Ferrari è facile trovare alcuni brani online, suonati al suo pianoforte. Suo futuro compagno a Maranello, Sir Lewis ha dedicato parte del suo tempo al rap, svelando nel 2020 di essere lui stesso il rapper XNDA. Con tale pseudonimo, il campione inglese ha collaborato al brano Pipe di Christina Aguilera Non solo Leclerc e Hamilton, un esempio di pilota-musicista è anche Daniil Kvyat. Il 29enne russo di Ufa ha più volte mostrato le proprie abilità alla chitarra, sia in tv che sui social.

Musicisti e cantanti, i piloti di F1 hanno anche messo spesso in mostra le proprie abilità canterine nei propri team radio in pista: ripercorriamo alcuni dei più iconici jingle che potrebbero insidiare i big di Sanremo (forse).

I team radio di Sanremo: i piloti-cantanti in F1

Lando Norris – Friday (Riton x Nightcrawlers).– L’esibizione del talentuoso inglese classe ’99 aviene nelle prime prove libere del Gran Premio del Mugello del 2020. Al “radio check” dell’ingegnere di pista, Lando si lascia andare al tormentone.

Lando Norris – Stop It (Fisher) – Stesso anno, tracciato differente. Il circuito portoghese di Portimao è un saliscendi e l’alfiere della McLaren lo descrive interpretando il brano tech-house.

Carlos Sainz – Smooth Operator (Sade). Le origini risalgono ai tempi della McLaren ed il ritornello è diventato un marchio di fabbrica dello spagnolo. Il madrileno ha celebrato cantando anche la sua seconda vittoria in Ferrari a Singapore ’23, da lui definita la “prima Smooth Operation” in rosso.

Fernando Alonso e Jenson Button – We Are the Champions (Queen). Lo spagnolo e il britannico sono tra i piloti che, in passato, hanno deciso di celebrare il proprio mondiale (nel 2005 per Nando, nel 2009 per Jenson) con la storica canzone del leggendario gruppo capitanato da Freddie Mercury e Brian May.

Max Verstappen, Green Green Grass of Home (Tom Jones). Tra le più recenti c’è una hit del campione del mondo olandese, che alla bandiera a scacchi in Brasile ha celebrato il trionfo cantando il brano di Tom Jones.


Leggi anche: F1 | Troppo nero nelle livree? Perché i team hanno abbandonato il colore


Max Verstappen, Viva Las Vegas (Elvis Presley) – Diciottesima vittoria nel mondiale 2023 e esordio dolcissimo nella Città del Peccato del Nevada. SuperMax sceglie di celebrare il trionfo sulla Strip intonando la celebre canzone del Re del Rock.

Sebastian Vettel – Azzurro (Adriano Celentano).Il weekend di Abu Dhabi 2020 chiude la carriera di Seb in rosso. Per ringraziare tutta la squadra del Cavallino Rampante, il campione tedesco sceglie di interpretare in team radio una versione rimaneggiata del successo del “Molleggiato“.

Sebastian Vettel – Red Light Spells Danger (Billy Ocean). Bandiera a scacchi sul Gran Premio del Belgio 2018, il teutonico del Cavallino trionfa davanti al poleman Hamilton e si porta a 17 punti dalla testa del mondiale. Le ambizioni mondiali sono ancora vive in agosto e Seb festeggia con la canzone “Red Light Spells Danger”, uscita nel 1976.

Sebastian Vettel – L’italiano (Toto Cutugno). Tra le esibizioni più celebri c’è senza dubbio il team radio di Vettel al termine del GP di Singapore 2015. I campione della Ferrari trionfa dalla pole position in una corsa dominata tra i muretti di Marina Bay. Per celebrare non c’è nulla di meglio di una rivisitazione del grande Toto Cutugno: “Lasciatemi guidare perché non sono lento… lasciatemi guidare una gara bella.”

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.