F1 | Pagelle GP Imola: Verstappen e Norris sugli scudi tra pioggia, bandiera rossa e safety car

Trionfo di un quasi perfetto Verstappen nel pazzo GP di Imola, sul podio insieme a Norris: sono loro i migliori delle pagelle della gara romagnola.

pagelle gp imola

Tre settimane dopo la prima tappa di Manama, la F1 torna, dopo cinque mesi, nella nostra Imola. In Romagna il Circus ci regala una gara piena di colpi di scena, vinta da Verstappen su Hamilton e Norris. pagelle gp imola

Il podio

Il vincitore, Max Verstappen, voto 9,5. L’olandese, alfiere della Red Bull, non è al top in qualifica, ma in gara è imprendibile. Fredda Hamilton allo spegnimento dei semafori e non si schioda più dalla leadership del gran premio. Competitivo in ogni condizione, il 33 si porta a casa il trofeo del Santerno: il guanto di sfida a Lewis è lanciato.

Lewis Hamilton, voto 6-. Monumentale in qualifica, gara da Dr. Jeckyll e Mr. Hyde per Sir Lewis che pasticcia e prova a rimediare nei 63 giri della domenica romagnola. La prima metà di GP è da dimenticare: viene lasciato al palo da Verstappen e commette un errore da novellino andando in ghiaia alla Rivazza. La fortuna però è dalla sua parte, la quasi immediata bandiera rossa gli permette di non perdere troppo tempo e riacciuffare la corsa. Nella fase finale è Hammer-Time: Lewis sulla sua Mercedes arriva, neanche troppo faticosamente, alla P2. Conquista anche il giro veloce, che gli permette di mantenere la testa del mondiale di un solo punto.

Lando Norris, voto 9. Forse troppo spesso sottovalutato, il giovane inglese mostra maturità abbinata ad un piede caldo e pesante. L’alfiere McLaren agguanta il podio sfruttando la superiorità della power unit Mercedes per difendersi dagli assalti di Leclerc. Dalla settima piazzola al podio, non male Lando!

La Top 10

Charles Leclerc, voto 8. Il monegasco del Cavallino fa il massimo: partito quarto, rischia di essere secondo solo a Verstappen. La sorte non è però dalla sua e la bandiera rossa probabilmente gli sottrae un podio che avrebbe ampiamente meritato. Rammarico in casa Ferrari che può rappresentare un’iniezione di fiducia per le prossime gare. Unica piccola sbavatura? Avrebbe forse potuto scattare meglio alla ripartenza per non perdere la posizione su Norris, ma oggi non gli si può rimproverare nulla.

Il compagno Carlos Sainz merita un 7+. Lo spagnolo è solido e, dopo l’esclusione in Q2 (per pochissimi millesimi) si conferma animale da gara. Voto non troppo alto per quegli errori in gara, ma ehi, è pur sempre il secondo GP con la Rossa! Quinta posizione dopo lo scatto dalla P11, vamos Carlos!

Buona sesta posizione, ma non una prestazione da urlo per Daniel Ricciardo, voto 5,5. L’australiano finisce a mezzo minuto dal compagno; la macchina è la stessa, ma Daniel deve ancora prendere la giusta confidenza con la sua nuova McLaren Papaya.

Lance Stroll, voto 6,5. L’ex Williams non sfigura e conquista una positiva ottava piazza in quel di Imola. Spesso con il dito puntato contro, non patisce il ben più quotato Sebastian Vettel (voto 5), autore di una gara sottotono, condita da azzardi strategici senza risultati e uno sfortunato ritiro. Il canadese arriva dietro (causa penalità post-gara) ad un Gasly (voto 6) senza acuti né grandi pecche. Chiudono la zona punti, a fatica, le Alpine di Ocon (5,5) ed Alonso (voto 5). pagelle gp imola

Fuori dai punti

Sergio Perez, voto 4,5. Se a Sakhir era riuscito a rimontare, ad Imola non è brillante e termina in P11. Checo è un ottimo pilota e lo dimostra in qualifica con la conquista della prima fila. In gara però, tra penalità ed errori, fa tanto da concludere fuori da una Top 10 che con la Red Bull non dovrebbe essere troppo proibitiva.

Per Valtteri Bottas il voto è 3, anche se un “s.v.” sarebbe stato comunque appropriato. Il finlandese è un fantasma sia in qualifica che in gara e, prima dell’incidente nel quale lui non ha colpe, viene doppiato a metà gran premio. Su una Mercedes. Non il miglior modo per consolidare il proprio sedile.

Voto 3 anche per George Russell: si può comprendere l’adrenalina, ma la sfuriata a Bottas dopo l’incidente è piuttosto inopportuna.

Le Haas senza voto. Purtroppo per loro la stagione appena avviatasi sembra già rivelarsi un calvario non trascurabile; inutile spendersi in giudizi su Schumi jr e Mazepin.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.