F1 | Pagelle GP Qatar – Brilla la stella di Alonso nella notte di Losail

Nella terz’ultima gara stagionale il leone di Oviedo ruba la scena ai due contendenti per il titolo: le pagelle del GP del Qatar.

qatar pagelle
Fonte: @F1 Twitter

La prima volta della Formula 1 a Losail vede una gara resa avvincente da eventi “esterni” più che dal tracciato stesso. La notte qatariota porta con sé diverse penalità in griglia e la variabile pneumatici a mischiare le carte e creare scompiglio tra tifosi e, soprattutto, team. Alla bandiera a scacchi, senza troppi patemi, trionfa Lewis Hamilton. L’inglese accorcia in classifica sul rivale Verstappen, risalito fino alla piazza d’onore. La piacevole sorpresa appare sul gradino più basso del podio e porta il nome di Fernando Alonso. pagelle qatar

Il podio

Lewis Hamilton, voto 8. Il weekend dell’inglese è pressoché perfetto: conquista la pole position il sabato e in gara non si fa sorprendere in partenza dagli arrembanti Alonso e Gasly. Dopo il primo giro è una semplice gestione: dopo 57 tornate vede la bandiera a scacchi che gli consente di accorciare ancora sul rivale Verstappen. I punti di svantaggio sono ora otto: a due weekend dal sipario della stagione la lotta è apertissima. Il motorone Mercedes tornerà a Jeddah e Abu Dhabi: è ora Lewis il favorito?

Max Verstappen, voto 8.5. La controversa situazione delle qualifiche (in cui certo Max ha colpe) lo porta cinque posizioni più indietro sullo schieramento iniziale. Nonostante la notizia arrivata poco prima dello spegnimento dei semafori l’olandese scatta come meglio non può e, dopo poche curve, è già in quarta posizione. Sorpassare Gasly non è una fatica eraclea e Alonso non perde troppo tempo in difese arcigne: in un attimo Max è secondo. Da quel momento prova a recuperare, ma la Mercedes #44 è ormai lontana. Scippa il giro veloce (ed il punto) al rivale e limita i danni. Certo, se fosse partito accanto a Lewis…

Fernando Alonso, voto 9.5. Il leone di Oviedo illumina la notte di Losail tornando sul podio dopo 2674 giorni quando, in quel di Budapest, giunse secondo a bordo della complicata F14T. Scatta terzo e terzo arriva, complice una monoposto in forma (come testimonia la P5 del compagno). Nando fa il massimo, guida da Alonso e mostra carisma anche quando chiede l’aiuto di Esteban in radio. Il podio è la ciliegina sulla torta nell’anno del suo ritorno nel Circus.


Leggi anche: F1 | Warning per Horner per aver dato della canaglia a uno steward


Nella zona punti

Sergio Perez, voto 7.5. Checo rimedia ad una qualifica flop. Il messicano vede lo spegnimento dei semafori dall’undicesima posizione, ma riesce a rimontare piazza dopo piazza, sorpasso dopo sorpasso, fino alla quarta. Termina ai piedi del podio, portando a Milton Keynes punti preziosi in ottica costruttori.

Esteban Ocon, voto 8. La sua prestazione certifica il risveglio Alpine, in formissima nel deserto del Qatar. Partito dalla P9, il francese risale la china fino alla posizione numero cinque. Prova – incoraggiato dal compagno Alonso – una leonina difesa su Perez, dandogli per qualche curva filo da torcere. L’accorrente Red Bull ha poi inevitabilmente la meglio sulla vettura transalpina, ma la gara di Ocon è – in modo assoluto – positiva.

Lance Stroll, voto 8. Anche per il canadese il voto è alto: come Ocon risale lo schieramento dopo una posizione in griglia non accattivante. Scattato in P12 dietro al compagno Vettel (P10), al traguardo è ben quattro posizioni avanti, in sesta.

Double Face

Ferrari, voto 6. La sufficienza è il prodotto di diversi fattori: siamo onesti, la Ferrari non si è mai vista durante la corsa qatariota. Nonostante questo riesce a guadagnare ancora nel mondiale costruttori su McLaren, anche grazie alla foratura a Norris. Altra nota positiva è il doppio pit-stop: prima Sainz, poi Leclerc, entrambi sotto i 2.4″. Non si vedeva da un po’. pagelle qatar

I flop

AlphaTauri, voto 5. La prima fila conquistata da Gasly dopo il valzer di penalità aveva fatto sognare il team di Faenza. Gioia effimera. L’AlphaTauri è impalpabile, il francese piomba dalla seconda posizione alla P11, il compagno Tsunoda dall’ottava alla P13. Una batosta che non fa bene nel confronto mondiale con Alpine. Desaparecidos.

Daniel Ricciardo, voto 5. Sembrava ritrovato da qualche gara, ma scompare nelle notti di Losail: P14 in qualifica e P12 in gara. Guarda da lontano il compagno che porta da solo la croce in quarta piazza fino alla foratura. E Lando gli finisce comunque davanti.

Valtteri Bottas, voto 4.5. Anche lui penalizzato, si trova a scattare dalla sesta posizione. Al via Valtteri fa però cilecca: il dashboard della W12 è chiaro, i giri motore sono troppo bassi. Quasi stalla. In men che non si dica è undicesimo. Passano i giri e per svegliare il finlandese ci vuole la sveglia di Toto: un poco si rianima ma poi – complice il non impeccabile team – fora. Gara compromessa, macchia danneggiata e ritiro che non fa bene a Mercedes nel duello con Red Bull.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.