F1 | Per Robert Kubica la Formula 1 rappresenta ancora il presente

Il pilota polacco, troppe volte considerato “ex pilota di Formula 1”, nel 2020 sarà ancora in Formula 1 nel ruolo di terzo pilota Alfa Romeo. Kubica Formula 1 presente

Kubica Formula 1 presente
Credits: Autosport

Esordio in Formula 1

Robert Kubica esordisce in Formula 1 nel GP d’Ungheria nel 2006; l’allora terzo pilota della scuderia BMW sostituì il campione del mondo 1997, Jacques Villeneuve: giunse 7° al traguardo, conquistando 2 punti alla sua prima gara, ma squalificato per problemi di peso sulla sua monoposto.  Si rifece nel GP d’Italia a Monza, conquistando il suo primo podio (terzo), nel giorno della vittoria e dell’annuncio da parte di Michael Schumacher del suo (primo) ritiro della Formula 1. Kubica Formula 1 presente

Dalla grande paura alla prima vittoria

Il GP del Canada rappresenta la gara dalle opposte emozioni. Durante il GP del 2007 (Prima vittoria in carriera per Lewis Hamilton) Kubica fu vittima di un bruttissimo incidente: la sua BMW andò ad impattare terribilmente contro il muro in piena velocità, rientrando in pista, si capovolse su se stessa, disintegrandosi. Il pilota di Cracovia ne uscì miracolosamente vivo. Non prese parte al GP successivo ad Indianapolis, negli USA: volante affidato al terzo pilota, esordiente, Sebastian Vettel: 8° al traguardo.

La stagione successiva, sullo stesso circuito, a Montreal, intitolato a Gilles Villeneuve, Robert Kubica conquista la sua prima vittoria in Formula 1.

Passaggio alla Renault

Nel 2010 viene ingaggiato dal team Renault che ha perso Fernando Alonso, passato alla Ferrari. Conquisterà 3 podi e, se ancora ce ne fosse bisogno, la consapevolezza di essere un pilota di primissimo livello.

L’ incidente durante il rally di Andora ed il mancato approdo a Maranello

Nel Febbraio del 2011, Robert Kubica è vittima di un gravissimo incidente durante il rally in Andora. Il pilota viene sottoposto ad un lungo e delicato intervento chirurgico. La sua carriera agonistica sembra essere giunta al termine. Cosi come la possibilità di correre per la scuderia del cavallino rampante al fianco di Alonso nella stagione 2012.

Il rientro nel mondo delle corse

Nonostante continui e gravi incidenti (già nel 2003, causa un incidente stradale, rischiò di perdere un braccio), Kubica non molla. Affrontando una lunga riabilitazione, complicata anche da un altro problema alla gamba destra causata da una caduta, Robert torna a correre con una vettura rally nel Settembre del 2012.

Il ritorno in Formula 1

Nel 2018 Kubica è nuovamente un pilota di Formula 1: terzo pilota Williams. La stagione successiva, viene promosso pilota titolare, insieme al giovane esordiente Russell; la monoposto, è troppo poco competitiva per permettere a Robert di lottare per le posizioni di vertice. Il confronto in qualifica sarà nettamente a favore del compagno di squadra. Kubica si toglie però la soddisfazione di conquistare l’unico punto stagionale per la scuderia fondata da Frank Williams e Patrick Head: 10° nel GP di Germania in una gara complicata, sotto la pioggia.

Terzo pilota Alfa Romeo

Robert Kubica, nella stagione 2020, che avrà inizio il prossimo 15 Marzo in Australia, sarà terzo pilota Alfa Romeo. Il pilota polacco sarà importante nello sviluppo della vettura, contribuendo, insieme a Kimi Raikkonen, anche alla crescita di Antonio Giovinazzi.

Seguici su Instagram

F1| Marko e le vetture a due tempi nel 2025: “Sembra uno scherzo di carnevale”