F1 | Perchè l’addio di Honda può mettere in crisi Red Bull?

La notizia dell’uscita di Honda dalla F1 al termine del 2021 lascia molte incognite in casa Red Bull. Andiamo a vedere quali possono essere le problematiche.

red bull honda
Foto: Twitter Aston Martin Red Bull Racing

Il 2022 rappresenta per la F1 una nuova era con l’introduzione dei nuovi regolamenti. Questi si propongono di risolvere due questioni importanti: limare la grande differenza prestazionale tra i team partecipanti e ridurre la difficoltà nell’effettuare sorpassi in pista. Le vetture odierne sono infatti troppo sofisticate dal punto di vista aerodinamico. red bull honda 

Questo rende difficile seguire da vicino la macchina che precede ed effettuare il sorpasso. Le Formula 1 del nuovo regolamento genereranno meno carico aerodinamico dalle appendici esterne, come alettoni e bargeboards con l’obiettivo di ridurre la turbolenza e quindi il calo prestazionale per la macchina che segue.

In questo nuovo scenario si trova ad operare la Red Bull che, se fino al 2021 potrà contare sulla power-unit Honda, nel 2022 avrà un’ulteriore variabile.

Motore fa rima con posteriore: il retrotreno sarà un fattore determinante

Al di là della prestazione pura, in termini di velocità e potenza, un nuovo motore influenza tutta la progettazione della vettura. L’esempio più lampante è la Ferrari SF1000. La Rossa di Maranello, senza andare troppo nei dettagli, a seguito dell’accordo con la FIA, ha un motore con una quantità di potenza ridotta rispetto allo scorso anno. Questo, oltre alle basse velocità di punta, si traduce in un’eccessiva resistenza all’avanzamento. Ma come?

Proviamo a spiegarlo con un esempio quotidiano che tutti noi ben conosciamo: il decollo di un aereo di linea. Quando l’aereo rulla sulla pista, per staccarsi da terra ha bisogno di raggiungere una certa velocità. Tutto questo accade perchè si genera un’adeguata forza di portanza. Nelle F1 accade esattamente la stessa cosa (si parla di deportanza in tal caso): per ottenere un determinato carico aerodinamico devo fornire una certa spinta (potenza).

Questo quindi è il grosso interrogativo: la nuova power-unit sarà più o meno potente rispetto alla precedente? Nel caso fosse meno potente la Red Bull dovrebbe fare un passo indietro e cercare un maggior compromesso tra carico e resistenza. Inoltre, un secondo fattore strettamente collegato col precedente, è che questo inficia il design del retrotreno che deve adattarsi agli ingombri della nuova power unit. Il design della zona “coca-cola” e delle pance potrebbe quindi essere molto diverso e portare i tecnici a dover rivedere i progetti in corso d’opera.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

F1 | Red Bull commenta la partenza di Honda: “Siamo delusi, cercheremo la miglior soluzione per il 2022”