Formula 1

F1 | Perché la Red Bull di Verstappen è stata controllata solo a Singapore? FIA urgono cambiamenti

Il fondo della Red Bull di Verstappen controllato una sola volta in tutto il 2023: la FIA deve correggere le sue contraddizioni.

Red Bull Verstappen FIA
La FIA ha verificato il fondo della Red Bull di Verstappen una sola volta in tutto il 2023. Credits: XBP Images

In un 2023 dominato da Red Bull e Max Verstappen, un dato stride sugli altri. La FIA ha verificato il fondo della RB19 dell’olandese una sola volta. In tutta la stagione.

I delegati della Federazione hanno sottoposto ai controlli la monoposto a Singapore. Pista dove notoriamente i team utilizzano un assetto più alto rispetto ad altri GP.

Nessuna accusa. Sia chiaro. Solamente una constatazione di come una delle monoposto che visivamente generava più scintille sia stata verificata una singola volta. Molto meno rispetto alla maggior parte dei rivali.

Le verifiche sul fondo richiedono moltissimo tempo” spiegava l’ex FIA Tim Goss. Ora l’inglese si divide tra Red Bull e RacingBulls.

La FIA si contraddice da sola, quale soluzione?

Eppure, la soluzione è molto semplice. Alla FIA basterebbe specificare in anticipo i propri criteri e soprattutto rispettarli. Esattamente l’opposto di quanto accaduto nello scorso GP del Texas.

Ad Austin la Federazione ha diffuso un comunicato in cui spiegava che le verifiche al fondo venivano eseguite in modo casuale tra le diverse monoposto. Salvo poi smentirsi nel giro di poche ore affermando che la scelta delle vetture da controllare si sarebbe basata sui dati a disposizione.

O uno o l’altro. Controlli casuali e controlli mirati si escludono a vicenda. Ne va della credibilità delle decisioni della Federazione.

La FIA deve cambiare approccio. Un suggerimento potrebbe essere quello di verificare al termine di ogni gara le prime tre vetture. I controlli richiederebbero più tempo, lasciando l’esito della corsa in dubbio magari per qualche ora, ma al contempo sgombrerebbero il campo da qualsiasi dubbio.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter