A TCFormula 1Interviste ESCLUSIVE

F1 | “Perez flop ma sufficiente, stagione pazzesca di Hamilton”, i top e flop del 2023 secondo Matteo Bobbi

In occasione del Rally di Monza abbiamo avuto modo di chiedere a Matteo Bobbi un giudizio sul 2023 della F1: ecco i suoi top e flop.

In occasione del Rally di Monza, abbiamo chiesto a Matteo Bobbi di darci un giudizio sulla stagione 2023 di F1, soffermandoci su quelli che secondo lui sono stati i top e i flop.

bobbi top flop f1 2023
In occasione del Rally di Monza abbiamo avuto modo di chiedere a Matteo Bobbi un giudizio sul 2023 della F1: ecco i suoi top e flop – Foto:matteobobbi.com

Sul nostro sito abbiamo lanciato dei sondaggi per valutare i top e i flop della stagione. Quali sono stati per te i flop del 2023?

Io ti direi Russell perché è mancato nelle occasioni in cui non doveva mancare come Singapore. Poi per quello che vale, è stato troppo distante dal suo compagno di squadra quest’anno. Se guardiamo i punti, il divario che c’è non rispecchia la differenza che c’è tra i due, quindi vuol dire che Russell non ha performato. Poi ci sono anche le sfortune anche se di solito in una stagione di ventitré gare si pareggiano fortune e sfortune. Poi Stroll indubbiamente e mi aspettavo qualcosa di più da Ocon visto che Gasly era appena arrivato.

Da Perez mi aspettavo molto molto di più, ovviamente. Alla fine è arrivato comunque secondo che era il suo obiettivo minimo però prestazionalmente è stato un flop.


Leggi anche: F1 | “Difficile raggiungere Red Bull ma si può”, Matteo Bobbi tra il 2023 e un pronostico sul 2024


I top invece?

Ci metto Alonso, Alonso è stato sicuramente tra i top. Ci metto anche Lewis Hamilton perché comunque ha fatto terzo. Credo che tra l’altro senza Verstappen sarebbe stato campione. Quindi alla fine è uno di quelli che ha massimizzato la stagione.

 


Al termine dell’intervista e dei ringraziamenti di rito, approfittiamo della disponibilità del motorhome Toyota per concederci una pausa caffè.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Fonte immagine di copertina: matteobobbi.com