F1 | Piastri si candida per un posto in Alpine nel 2023: “Disposto a star fuori un anno, non di più”

Oscar Piastri, terzo pilota Alpine e leader della F2, è pronto a passare il 2022 lontano dai riflettori senza un sedile in F1, ma dice che ci saranno “serie discussioni” se tale situazione si prolungherà per più di un anno.

Piastri Alpine
Fonte: Piastri via Twitter

Oscar Piastri, attualmente primo nel campionato F2, è membro dell’Academy Alpine. Se vincerà il titolo Formula 2, non potrà più correre in tale categoria come da regolamento e ad ora è senza sedile per l’anno prossimo.

In Formula 1 è disponibile solo un sedile in Alfa Romeo, che però Piastri non è sicuro di ottenere. L’australiano si sta concentrando su mantenere il ruolo di pilota di riserva Alpine per l’anno prossimo. Ma afferma che se sarà costretto a spendere più di un anno fuori dall’ambiente delle gare, ci saranno “serie discussioni”.

Piastri afferma: Non sono molto fiducioso di ottenere il sedile in Alfa Romeo. Realisticamente, la via più logica è quella di provare ad essere pilota di riserva dell’Alpine l’anno prossimo, passare molte ore con il simulatore e lavorare molto per ottenere un sedile nel 2023. Mi sta bene stare un anno ai margini. Ovviamente non è l’ideale, ma è successo a molti piloti.


Leggi anche: F1 | GP Russia, griglia di partenza – A Sochi si compie la restaurazione dei team storici


Posso accettarlo, ma se è previsto che starò fuori più di un anno, a questo punto dovrò discutere seriamente del mio futuro. L’obiettivo è essere terzo pilota Alpine, e ottenere un sedile per il 2023. Visto com’è andato il mercato quest’anno, penso che sia l’obiettivo più realistico ora”.

Piastri dice che una parte dei suoi problemi deriva dal fatto che ha superato sia le proprie aspettative sia quelle dell’Alpine. Inizialmente aveva pianificato di gareggiare in Formula 3 per due anni prima di fare lo stesso in F2, ma ha vinto la F3 nella sua stagione da rookie e sembra in grado di fare lo stesso anche in Formula 2, impresa compiuta in precedenza da Charles Leclerc e George Russell.

“Penso di essere stato preso alla sprovvista da me stesso e di aver sorpreso anche altre persone. Ho superato le mie aspettative. Non voglio sembrare arrogante, ma ci sono pochi piloti che hanno fatto ciò che io sto riuscendo a compiere. Gli unici che hanno avuto un percorso simile al mio sono George e Charles. Quindi non è una situazione molto comune”, ha concluso Piastri.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter