F1 | Pirelli fa chiarezza: “Nessun difetto sulle gomme di Stroll e Verstappen”. Red Bull: “Grati che i piloti stiano bene”

La Pirelli fa chiarezza su quanto successo con le gomme di Stroll e Verstappen a Baku attraverso un comunicato ufficiale. Nessun difetto rilevato.

pirelli gomme verstappen
Foto: unknown

Senza i problemi avuti da Stroll e Verstappen il GP di Baku avrebbe avuto un esito sicuramente diverso. Inoltre entrambi gli incidenti si sarebbero potuti rivelare più gravi del previsto data l’alta velocità a cui si sono verificati. Proprio per questo in questi giorni la Pirelli ha effettuato delle analisi approfondite sulle gomme di Lance Stroll e Max Verstappen.  L’azienda produttrice non ha riscontrato difetti di alcun tipo. Gli incidenti sono stati dovuti alle condizioni di utilizzo.

Di seguito il comunicato Pirelli:

“Pirelli, congiuntamente con la FIA, ha concluso le analisi sui pneumatici posteriori sinistri coinvolti negli incidenti occorsi a Lance Stroll e Max Verstappen nel corso del Gran Premio dell’Azerbaijan. Le analisi sono state estese anche a pneumatici, utilizzati da altre vetture, che hanno percorso un numero di giri simile o superiore rispetto a quelli danneggiati. Le verifiche non hanno evidenziato, su nessun pneumatico, alcun difetto di produzione o qualità, né segni di affaticamento o delaminazione.


Leggi anche: F1 | Dopo Baku, la pressione degli pneumatici è sotto i riflettori: la FIA sospetta possibili imbrogli?


Sono state identificate le cause dei cedimenti che hanno riguardato i pneumatici posteriori sinistri di Red Bull e Aston Martin. In entrambi i casi, i pneumatici mostrano una rottura circonferenziale sul fianco interno, fenomeno che può essere riconducibile alle condizioni di utilizzo degli stessi, nonostante siano stati rispettati i parametri di partenza prescritti (pressioni minime e temperatura massima delle termocoperte).

A valle del risultato delle analisi, Pirelli ha presentato la propria relazione tecnica a FIA e ai Team. FIA e Pirelli hanno quindi concordato una nuova procedura, che comprende una direttiva tecnica già distribuita, per il controllo delle condizioni di utilizzo dei pneumatici durante il weekend di gara e si riservano di implementare ogni altra azione che si ritenesse opportuna”.

Anche la Red Bull ha commentato quanto concluso da Pirelli. “Abbiamo lavorato a stretto contatto con FIA e Pirelli per cercare di capire cosa ha portato al cedimento della gomma di Max durante il 47esimo giro del Gran Premio di Baku. Possiamo oggi concludere che non è stato dovuto in nessun modo a problemi della vettura. Abbiamo sempre rispettato i parametri forniti da Pirelli e continueremo a farlo. 

Siamo grati che, nonostante l’alta velocità, nessuno dei due piloti si sia fatto male negli incidenti”.

Seguici anche su Instagram