F1 | Possibile futuro in Sauber per Maurizio Arrivabene

Secondo la rivista tedesca Auto Bild, l’ex Team Principal della Ferrari potrebbe unirsi alla Alfa Romeo Sauber come coordinatore, restando quindi nel mondo della Formula 1.

Arrivabene
Foto: F1 GrandPrix

La situazione di Maurizio Arrivabene è la più calda di questo inverno. Dopo l’addio dalla Ferrari, si pensava che Arrivabene potesse diventare direttore commerciale della Juventus, ma le ultime voci rivelate dalla stampa tedesca vedrebbero più vicino un approdo a Hinwil.

Arrivabene, dovesse arrivare in Sauber, resterebbe comunque nella Fiat; soprattutto, la scuderia elvetica potrebbe cambiare nome in Alfa Racing, diventando a tutti gli effetti un Team cliente della Ferrari.





La Sauber avrà una line-up di tutto rispetto per questa nuova stagione: il Campione del Mondo 2007 Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi saranno alla guida della C38. Proprio la C38, secondo motorsport.com, potrebbe effettuare un primo shakedown a Fiorano il 14 febbraio (data di presentazione anche della nuova MCL34) ma il Team attualmente diretto da Frédéric Vasseur non ha ancora comunicato alcuna data. Data che la Ferrari ha invece svelato: infatti, la Scuderia di Maranello presenterà la propria vettura il 15 febbraio.

Come abbiamo visto specialmente nella seconda parte di stagione, la Sauber è tornata a lottare con costanza per i punti. I risultati ottenuti sono frutto dell’equipe tecnica di buon livello guidata da Simone Resta e Luca Forbatto e dai rapporti con la Ferrari, consolidati anche grazie alla partnership con Alfa Romeo. Dalla prossima stagione la Sauber potrà contare su un pilota di talento ed esperienza come Raikkonen, oltre al rookie italiano Giovinazzi.

Raikkonen carico per la nuova avventura

Raikkonen
Kimi Raikkonen durante i test di Abu Dhabi con la Sauber. Foto: Autosport

Kimi Raikkonen è pronto per iniziare questa nuova avventura. Per il finlandese si tratta di un ritorno al passato, vista la sua esperienza da ropkie in Sauber nel 2001. L’ex Ferrari è molto motivato e piuttosto ambizioso; le sue dicharazioni.

“Per sapere quanto valiamo è necessario attendere il riscontro della pista dal primo momento. Dopo dovremo essere bravi a sviluppare. Credo che insieme faremo cose stupende e non vedo l’ora. Dove arriveremo, chi lo sa? Si tratta di una squadra molto più piccola rispetto alla precedente ma l’obbiettivo è sempre quello: dare il massimo durante la gara. Ho buone sensazioni e sono molto emozionato.” ha commentato Raikkonen.

Dakar 2019| Brabec e Al-Attiyah dominano nel Day 4

Emanuele Zullo

Sono un ragazzo di 14 anni e la mia passione per lo sport è immensa. Spero di coronare il mio sogno, diventare un giornalista sportivo.