F1 | Presentazione Ferrari: quanta innovazione nella SF21

Gli ultimi saranno i primi, così cita un famoso proverbio. Sarà per questo motivo che la scuderia Ferrari ha deciso di essere l’ultima a presentare la vettura per la stagione 2021? Andiamo a scoprire quante innovazioni sono presenti nella SF21.

Innovazioni SF21

Venerdì 12 inizieranno i test in Bahrain, la Ferrari ha quindi presentato oggi la vetture che scenderà in pista quell’occasione: quante innovazioni sono presenti sulla SF21?

Zona anteriore

innovazioni SF21

Partiamo analizzando la parte anteriore della vettura, dalla vista frontale notiamo subito alcune differenze. La prima riguarda l’attacco del musetto, per il 2021 gli ingegneri di Maranello hanno infatti deciso di avvicinare gli attacchi dell’ala anteriore, creando al tempo stesso un condotto per l’aria diretta al cape e ai turning vanes. Notiamo anche una diversa presa d’aria dei freni anteriori, sicuramente una innovazione per la SF21.

Innovazioni SF21

Analizzando più nel dettaglio l’ala anteriore, notiamo una parte grigia sul secondo flap, quello è un collegamento tra flap e profilo FIA. È la prima volta che questa soluzione compare su una Formula 1. Notiamo infine un profilo principale dell’ala ed un endplate diversi.

innovazioni SF21

Vediamo ora il cape, la regione della vettura sotto il muso. Per la prossima stagione hanno deciso di mettere una superficie piatta con i turning vanes alla fine. L’aria viene incanalata in questa zona da quel passaggio che è stato ottenuto tra la fine del muso e l’attacco dell’ala. In questo modo il flusso impatta meno violentemente contro la ruota anteriore generando così meno drag.

Infine notiamo la comparsa di alette sopra l’attacco delle sospensioni. Tutte queste soluzioni servono per generare un maggior carico aerodinamico in quella sezione.

Zona centrale

Spostandoci nella zona centrale della vettura si vede un nuovo attacco degli specchietti, adesso infatti non sono più ancorati sul lato interno ma su quello esterno. Questa soluzione genera sicuramente meno turbolenza nel fluido che va poi a scorrere sulle pance.

Notiamo anche una forma più piccola dell’ingresso laterale dei sidepod, adesso più piccolo rispetto alla SF1000.

Passiamo all’analisi dei bargeboard, per la SF21 hanno deciso di cambiare completamente in disegno. Notiamo infatti un profilo dotato di molti flap orizzontali davanti all’ingresso dei radiatori. La paratia è stata infine abbassata rispetto alla scorsa stagione. Questo è un componente cruciale per le vetture 2021, molti team non hanno ancora mostrato nel dettaglio questa zona della vettura.

Innovazioni SF21

Passiamo ora alla linea delle pance ed al cofano motore. La SF21 è dotata di pance più strette. Ciò si è potuto ottenere grazie ad un nuovo sistema di raffreddamento. Il team italiano avrà montato radiatori più grandi nella parte centrale della vettura, come fa intendere la presa d’aria superiore più grande, riducendo così gli ingombri di quelli presenti nelle pance. Così facendo si ottiene una superficie del fondo più elevata ed un maggior carico aerodinamico generato dallo stesso.

Inoltre si nota la linea di divisione sulla cover motore, quest’anno sarà formata da 3 parti.

Zona posteriore

Le altre innovazioni della SF21 le troviamo nella zona posteriore della monoposto. Vediamo un nuovo disegno dell’endplate dell’ala posteriore.

Chiudiamo l’analisi del retrotreno notando il nuovo fondo, tagliato come vuole il nuovo regolamento. Per ridurre al minimo la diminuzione di carico aerodinamico hanno introdotto una appendice finale. Si vede anche il nuovo attacco delle sospensioni posteriori, in casa Ferrari hanno modificato la scatola del cambio a cui sono attaccate le sospensioni.

Queste innovazioni della SF21 riusciranno a ridurre il gap verso la Mercedes e a riportare la Rossa a lottare per il mondiale?

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Mission Winnow spiega perché il logo sulla SF21 è verde: sostenibilità è la parola chiave

Federico Martello

Vehicle Engineer student, Euroracing (Indy autonomous challenge) vehicle dynamics team member