F1 | Primo fire-up per l’Alfa Romeo [VIDEO]

Un’altra scuderia ha “dato vita” alla sua monoposto, trattasi dell’Alfa Romeo che ha eseguito in mattinata il primo fire-up della futura C39.

fire-up Alfa Romeo
Foto: Alfa Romeo Racing

Dopo i vari fire up di Ferrari, Mercedes, Renault e McLaren oggi tocca all’Alfa Romeo. La scuderia ha informato stamattina i fan con un tweet, dove si sente il rombo del motore Ferrari ruggire tra i tecnici del Biscione.

Nel post vengono anche forniti alcuni dati interessanti, tra cui il fatto che siano state coinvolte ben 450 persone nel progetto. Continua poi sottolineando che si siano resi necessari ben 8000 disegni, più di 100.000 ore lavorative e 15.000 componenti.

Tutto ciò è molto indicativo di quanto lavoro sia necessario per costruire una monoposto, nonostante il team non abbia un budget faraonico.

Ricordiamo che il fire up è un momento critico per un team di F1, in quanto si tratta di un test per verificare che tutte le componenti lavorino alla perfezione. Un bel sospiro di sollievo quindi per la scuderia.

Qui di seguito il video della prima accensione tra le centinaia di persone presenti:


Cosa aspettarci dalla prossima stagione

Adesso che il motore ha “cantato” e tutto sembra essere sotto controllo per il team è giunto il momento di prepararsi in vista dei test. Sarà importante per loro sfruttare al meglio i 6 giorni a disposizione quest’anno, soprattutto per arrivare in Australia con una macchina già competitiva.

Il vero problema della passata stagione si è rivelata però la capacità di sviluppo del team. E’ infatti evidente il crollo di prestazioni avute nella seconda metà dell’anno, che ha penalizzato più di tutti il nostro Antonio.

Per tutelarsi da questo l’Alfa Romeo ha ingaggiato un pilota esperto come Robert Kubica, destinandolo al simulatore. Dopo i tanti accostamenti con la Haas il polacco ha infatti annunciato il suo approdo all’Alfa come development driver.

Non ci resta che aspettare e vedere la nuova Alfa Romeo in azione sul circuito di Montmeló, sperando che ci regalerà soddisfazioni.

Seguici su Instagram

Pubblicati i risultati dell’investigazione sull’incidente Hubert