F1 | Qualifiche D’Austria- Hamilton penalizzato dai commissari

Lewis Hamilton penalizzato di 3 posizioni dai commissari per aver ostacolato il giro veloce di Kimi Raikkonen durante le qualifiche del Gp d’Austria

Hamilton penalizzato
Fonte: Corriere del Ticino

Nella calda estate austriaca, durante la nona tappa del mondiale di Formula 1, non accennano a placarsi le polemiche riguardanti il regolamento in vigore. Tanti i temi oggetto di dibattito, dalla “questione gomme” a quella delle penalità. Hamilton penalizzato

Questa volta il fatto oggetto di investigazione vede protagonisti Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen.

Il fatto

Sono da poco iniziate le Q1 quando Hamilton, in curva 1, ostacola Kimi Raikkonen lanciato nel suo giro veloce. Raikkonen vede da lontano il pilota britannico che procede a bassa velocità e si ritrova ad impostare la curva proprio in contemporanea al pilota Mercedes.

Hamilton, che si è accorto dell’arrivo del finlandese, concede l’esterno ma non riesce ad evitare l’incrocio di traiettorie. Raikkonen a quel punto ha già perso parecchi decimi per colpa di questa incomprensione ed è costretto ad abortire il giro.

L’azione, passata apparentemente inosservata a lungo, viene “notata” dai commissari durante le Q2, i quali decidono di convocare i piloti alla fine delle qualifiche.

Da segnalare la colorita reazione del pilota finlandese il quale, seppur ci abbia abituati ad una calma proverbiale, non le manda a dire ad Hamilton, mostrandogli il dito medio.

La decisione dei commissari

Convocato alle 17:00 dai commissari, il pilota della Mercedes  è stato penalizzato di 3 posizioni in griglia da scontare nella gara di domani sul circuito di Spielberg e un punto di penalità. Il pilota inglese partirà in quinta posizione.

Ad annunciare la penalità anche lo stesso pilota inglese con una storia nel suo profilo Instagram.

Seguici anche su instagram

F1 | GP Austria 2019 – L’analisi della telemetria della pole di Charles Leclerc!

Alessio Arcidiacono

Studente magistrale di Economia. Da sempre appassionato di Formula 1, sogna di lavorare nella massima serie del motorsport.