F1 | Qualifiche GP Belgio – Vettel su Norris e la mancata red flag: “Penso che Masi non sia orgoglioso”

La richiesta di red flag non ascoltata, poi il botto di Norris: Sebastian Vettel torna sull’accaduto e sulla scelta del direttore di gara Masi.

La pioggia battente all’inizio del Q3, la richiesta di Sebastian Vettel che però non viene ascoltata: pochi istanti dopo la bandiera verde lo spaventoso incidente di Norris. La reazione dell’ex ferrarista all’episodio al Raidillon è furiosa ed è espressa senza peli sulla lingua nel team radio successivo. vettel masi belgio norris

Al termine delle qualifiche del Gran Premio del Belgio, Sebastian Vettel è tornato sull’accaduto, discutendo la scelta del race director Michael Masi. Così il tedesco ha dichiarato a fine sessione a Sky Sports UK: Penso che neanche Michael (Masi, ndr) sia orgoglioso di quello che è successo”.

“Certo, è sempre facile giudicare con il senno di poi, ma dobbiamo trovare un modo per ascoltare di più le informazioni che abbiamo, dice il quattro volte iridato. “Dentro al box è molto limitato perché puoi guardare giusto davanti a te, e non puoi avere idea di cosa accade dall’altra parte della pista”. vettel masi belgio norris


Leggi anche: F1 | Risultati Qualifiche GP Belgio 2021 – Verstappen interrompe il sogno di Russell e della Williams


Vettel, che aveva invocato la bandiera rossa in radio a inizio Q3, continua: “Ascoltano le comunicazioni, anche se ovviamente siamo tanti team e tanti piloti, e non si può ascoltare sempre tutti. È chiaro però che non avremmo dovuto scendere in pista con bandiera verde“.

Il pilota di Aston Martin prosegue: “La F1 deve imparare da quello che è successo, il risultato dell’incidente avrebbe potuto essere peggiore”, e ritiene che la F1 sia stata “fortunata” in questo frangente.

Seb continua sostenendo che la decisione è in mano alla direzione gara: “Naturalmente possiamo uscire e rientrare se ci sentiamo insicuri, ma è una situazione un po’ strana. Questa decisione non dovrebbe dipendere interamente da noi piloti. L’importante però è che ora non accada più“, conclude il 34enne di Heppenheim.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.