F1 | Qualifiche GP Singapore, clamorosa pole di Hamilton

Qualifiche asciutte e notturne, come di consueto, per questo GP di Singapore. Sia le simulazioni del passo gara che del giro di qualifica avevano evidenziato la superiorità Ferrari su una pista insidiosa come quella di Marina Bay. Né Sebastian Vettel né Kimi Raikkonen, però, hanno potuto nulla davanti a un clamoroso giro record di Lewis Hamilton, che gli regala la pole. Qualifiche GP Singapore

In apertura di Q1 Kimi Raikkonen si impone immediatamente con un tempo di 1:38.534 su HyperSoft. La scelta gomme della Scuderia, molto aggressiva per questo weekend, non è imitata da Mercedes, che fa girare Lewis Hamilton su UltraSoft (il britannico, peraltro, brucia un giro cronometrato andando largo sulle vie di fuga in asfalto). I tempi vengono poi ribassati di 0.4s dalla Red Bull di Daniel Ricciardo, sempre su gomme rosa, vettura favorita su questo tracciato.  La prima sessione di qualifica si chiude vedendo Magnussen, Hartley, Vandoorne, Sirotkin e Stroll eliminati. Bottas e Hamilton, rallentati da qualche sbavatura, fanno segnare rispettivamente dodicesimo e quattordicesimo tempo.

16) Magnussen 1:39.644

17) Hartley 1:39.809

18) Vandoorne 1:39.864

19) Sirotkin 1:41.334

20) Stroll 1:41.334


Q2

La seconda sessione viene aperta dal #7 e dal #44 che si scambiano le strategie, scendendo in pista rispettivamente con Ultrasoft e Hypersoft. Anche Sebastian Vettel usa le gomme viola, facendoci quindi prevedere una one-stop strategy domani in gara. Verstappen fa segnare un tempo impressionante con il suo 1:37.214. Le Ferrari, dopo un tentativo con le Ultrasoft, decidono di cambiare strategia e correre gli ultimi cinque minuti con la mescola più morbida. Il cambio, peraltro contestato da Vettel in team radio, giova però alle rosse, regalando un giro in 1:37.194 a Raikkonen. Il tedesco rimane invece lontano, a oltre sei decimi dal compagno e dopo entrambe le Mercedes e le Red Bull, in P6. Rimangono esclusi dalla top ten Alonso, Sainz, Leclerc, Ericsson e Gasly.

11) Alonso 1:38.641

12) Sainz 1:38.716

13) Leclerc 1:38.747

14) Ericsson 1:39.453

15) Gasly 1:39.691

Q3

La Q3 si annuncia tesissima e combattuta, senza esclusione di colpi. Hamilton fa immediatamente segnare un clamoroso 1:36.015 che tiene a distanza tutti gli altri piloti, con il suo compagno di squadra ben sette decimi più lento. Questo crono porta tutti i piloti in pista a rivedere le strategie e a rientrare ai box per montare gomme più fresche, e tutto si gioca, in mezzo al traffico, in appena due minuti. Max Verstappen regge bene il confronto e si porta in prima fila nella griglia, immediatamente seguito da Sebastian Vettel. Completano le prime tre file Valtteri Bottas, Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo.

Sarà interessante, domani, capire come le scuderie affronteranno le insidiose strategie gomme e un meteo incerto, che prevede una domenica piovosa. Se sarà asciutto, i primi 10 partiranno con gomme HyperSoft.

Foto F1.com

Il Monitor dei Tempi – GP Singapore 2018 [FP2] – Ferrari a una punta, Red Bull molto veloce nel passo gara.

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, appassionata di motori sin da bambina. Studio Giurisprudenza e nel tempo libero commento e analizzo la Formula 1 sul blog Instagram @theracingchick.