F1 | Qualifiche GP Spagna – Leclerc suona la carica Ferrari: “Contento del 4° posto, il 3° irraggiungibile”

leclerc ferrari gp spagna barcellona qualifiche quarto sainz seconda fila risultati tempi mclaren ocon
credit: @Scuderia Ferrari Press Office

Per la terza volta in quattro gare, Charles Leclerc piazza la sua Ferrari in quarta posizione: questo è il verdetto delle Qualifiche del GP di Spagna di F1. Leclerc è dunque, ancora una volta, il “primo degli altri“, visto che le due Mercedes e la Red Bull di Verstappen sono al momento irraggiungibili. La Ferrari ha confermato le ottime impressioni mostrate nella sessione di Prove Libere del sabato mattina, conquistando anche la sesta posizione con Carlos Sainz.

Il monegasco della Ferrari afferma di aver fatto un tempo migliore nel primo dei due tentativi del Q3, quando girava però con gomma usata. Mentre nel secondo tentativo, con gomma nuova, ha commesso un piccolo errorino. Nonostante ciò la quarta posizione è sua, e di più non si poteva fare in queste qualifiche del GP di Spagna per i piloti Ferrari. Se si guardano i tempi della sessione di qualifiche, il terzo classificato, Valtteri Bottas, ha dato più di 6 decimi a Leclerc: era impossibile fare meglio.

Le parole di Charles Leclerc al termine delle Qualifiche in Spagna

Sono contento per il quarto posto. Per noi non c’era altro da fare, il 3° posto era irraggiungibile. Speriamo in una buona partenza e in una buona gara. Il miglior giro in realtà l’avevo fatto prima con gomma usata, nell’ultimo ho fatto anche un piccolo errore. Era una sessione difficile, ho messo tanta attenzione in Q1 e Q2 per avere un buon set alla fine. Ho trovato il ritmo e sono contento di partire quarto. Stiamo ottimizzando il pacchetto che abbiamo, non ci sono rivoluzioni e si rimarrà così a grandi linee fino alla fine dell’anno. Il nostro lavoro è quello di ottimizzarlo e speriamo di fare una buona gara. Dobbiamo anche approfittare degli errori degli altri ed essere regolari, anche con Carlos, domani in gara.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1