F1 | Raggiunto l’accordo sul motore del futuro

Il motore del futuro sembra ormai realtà: FIA, F1 e costruttori sono pronti ad accordarsi per la nuova power unit che sarà utilizzata dal 2026 in poi. Via libera quindi all’ingresso nel circus di Porsche ed Audi.

F1 motore futuro

Dopo mesi di trattative, FIA, F1 e costruttori hanno ora raggiunto una svolta importante riguardo al nuovo motore che inaugurerà il futuro della F1. Entro il GP di Turchia un accordo sarà portato sul tavolo, con Ferrari, Mercedes, Renault e Red Bull pronti ad un compromesso. L’obiettivo sarà anche attrarre nuovi team, con Audi e Porsche interessate ad un ingresso nel circus. Il patto però è che anche le altre parti interessate si impegnino a lungo termine, implicando quindi un accordo dalla durata di almeno cinque anni.

Il nuovo motore sarà un turbo V6, in molte parti uguali al precedente. Lo sviluppo dovrebbe avvenire nella testata e nel processo di combustione. Questo sarà infatti il focus principale del circus da ora in poi, con l’introduzione di combustibili sostenibili. Il costo di un’unità motrice poi, verrà modificato: il prezzo dovrebbe essere ben al di sotto del milione di dollari, mentre attualmente si aggira sui due milioni. Il nuovo motore perderà qualcosa in prestazione e per compensare, la parte elettrica verrà potenziata.

Leggi Anche:

F1 | Il Gruppo Volkswagen punta ad entrare nel Circus

L’MGU-H insomma, ormai è storia. L’obiettivo zero emissioni del 2030 impone un cambiamento radicale, con un costo troppo elevato da sostenere per modificare i motori attuali e renderli green. L’attuale generazione di motori si avvia quindi alla pensione, con il presidente FIA Jean Todt che ha recentemente suggerito di introdurre la benzina E50 già nel corso del 2023.

Fra le questioni da risolvere, c’è poi il limite di spesa da imporre alle eventuali new entry del circus. Mentre il budget cap dovrebbe rimanere lo stesso per i “vecchi” costruttori, le eventuali Audi e Porsche godranno di concessioni nei primi anni. La F1 insomma, si prepara al futuro, con un nuovo motore, nuove regole e forse, nuovi competitors.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

 

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.