F1 | Räikkönen sulla SF71H regalatagli da Ferrari: “Quando sarò vecchio, la userò”

Come i più appassionati ricorderanno, nel Maggio dello scorso anno, Ferrari decise di omaggiare Kimi Raikkonen, ormai passato in Alfa Romeo, regalandogli la SF71H del 2018. In particolare, il telaio in questione è proprio quello del Gran Premio di Austin, ultima sua vittoria in Ferrari e, al momento, in F1. Il finlandese è recentemente tornato a parlare di quella vettura e dell’utilizzo che ha intenzione di farne.

Raikkonen sulla SF71H
©️ unknown

Un focus sulla SF71H

La SF71H, seppur non riuscì a centrare l’obiettivo campionato, è una vettura molto importante nella storia Ferrari, nonché riconosciuta da molti come la più competitiva nell’era turbo-hybrid. Infatti, con 24 podi, 6 vittorie e altrettante pole, impensierì non poco le “frecce d’argento” Mercedes, soprattutto nella prima metà della stagione quando, aldilà di errori dei piloti o del muretto, a livello di prestazione era decisamente al vertice della classifica. Inoltre, fu la prima “rossa” a montare il celebre dispositivo di sicurezza denominato “halo”, reso obbligatorio da F1 proprio nel 2018 e che ha storicamente cambiato l’impatto visivo delle auto. kimi raikkonen ferrari


Leggi anche: F1 | Leclerc: “Mi ci è voluto un anno per capire le dinamiche di squadra della Ferrari”


Come la userà Raikkonen

Regalare monoposto storiche a piloti importanti per una scuderia non è una pratica inedita nel paddock di F1. Tuttavia, solitamente le squadre optano per vetture da esposizione, quindi senza motore. Al contrario, il finlandese ha recentemente dichiarato che la sua SF71H è invece completa di tutte le componenti necessarie affinché possa scendere in pista.

Questa idea alletta non poco un appassionato di motorsport come Raikkonen, che ai microfoni di RacingNews365 ha dichiarato: È un’auto da corsa completa, quindi posso portarla in pista e usarla. Ma ovviamente ho bisogno di alcuni meccanici dall’Italia per farla funzionare. Quando sarò abbastanza vecchio, la userò!”.

Appassionato di motorsport a 360°

Per ringraziare pubblicamente la Ferrari e per condividere il regalo con tutti i suoi fans, il campione del mondo 2007 ha immediatamente postato una foto della F1 bella esposta e parcheggiata nel suo garage. Seppur il rosso fiammeggiante della livrea sia un forte catalizzatore di attenzioni, in molti hanno notato le numerose moto da cross che la circondano. Infatti, è da sottolineare come, subito dopo le auto, siano proprio i mezzi a 2 ruote ad appassionarlo, rendendolo un amante del motorsport a 360°!

Foto: Kimi Raikkonen

Raikkonen, in aggiunta, ha parlato anche di questa passione, dichiarando di non avere tanto tempo da dedicargli durante l’anno, ma tuttavia di voler assolutamente rimediare quando smetterà di correre. Chi lo segue sui social può confermare quanto abbia perseguito il motocross durante la quarantena dovuta alla pandemia. Difatti, l’interruzione del campionato di F1 e l’impossibilità di uscire, gli hanno concesso tempo per i suoi hobby.

“Buon sangue non mente”

Nella parte finale della “chiacchierata”, Kimi ha anche parlato dei suoi figli. Ha asserito che entrambi mostrano un forte interesse per le corse, sia su 2 che su 4 ruote.

“Quando chiedono di andare ai kart, andiamo. Ovviamente Robin lo fa, ma anche Rianna lo fa e mi chiede di guidare sulle mie ginocchia. Si diverte. Una volta ha guidato una moto da cross da sola. Quindi, sembra apprezzare la velocità!“, ha aggiunto Kimi.

Ad ogni modo, da genitore comprensivo e premuroso, sottolinea di non aver alcuna intenzione di indirizzare o forzare loro a intraprendere una carriera di quel tipo, ma di volergli lasciare totale libertà.

“È la loro vita e cercheremo di sostenerli. Anche se è soltanto un ‘hobby’, penso sia fantastico. Voglio che provino molti sport diversi, perché è una buona cosa per loro”, ha detto Räikkönen per concludere.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

mm

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare nell’area strategica.