F1 | Record e statistiche GP Australia: l’alba di un nuovo mondiale

La 70a edizione del campionato mondiale di Formula 1 prende il via con il 35° Gran Premio d’Australia. Melbourne ospita la Formula 1 per la 24a volta e, se si escludono il 2006 e il 2010, è sempre stata la gara inaugurale della stagione fin dalla prima edizione disputata all’Albert Park nel 1996. F1 Australia

Foto: Formula 1

Il Gran Premio d’Australia dà il via al° 70 campionato mondiale di Formula 1, il sessantaduesimo ad assegnare il mondiale costruttori, nonché quello in cui si disputerà la gara numero 1000 della storia della Formula 1, in Cina.

L’Australia ospita un Gran Premio di Formula 1 per la 35a volta, le prime 11 edizioni si disputarono ad Adelaide mentre Melbourne è sede della gara dal 1996. In sole due occasioni (2006 e 2010) la gara di Melbourne non è stata la prima del calendario, sostituita dal Bahrain.

Le novità del 2019

La nuova stagione inizia con vetture tecnicamente simili a quelle dello scorso anno, con le novità più importanti rappresentate dalle nuove ali anteriori e posteriori e dalle nuove mescole portate da Pirelli.

La novità regolamentare dell’ultim’ora è rappresentata dall’ assegnazione di un punto iridato all’autore del giro più veloce, ma solo se classificato tra i primi 10.

Ci saranno 3 debuttanti assoluti provenienti dalla Formula 2: George Russell guiderà per la Williams, Lando Norris per la McLaren e Alexander Albon per la Toro Rosso. Inoltre ci saranno il ritorno di Daniil Kvyat alla Toro Rosso dopo un anno di stop e soprattutto di Robert Kubica alla guida della Williams, 8 anni dopo il terribile incidente nel Rally di Andora.

Robert Kubica in azione nei test di Barcelona. Foto: Williams.

Il pilota più giovane in griglia sarà Lando Norris con i suoi soli 19 anni, mentre il più esperto sarà anche quest’anno Kimi Raikkonen, sia in termini di età con i suoi 39 anni, che per i 294 Gran Premi disputati.

Novità anche tra le scuderie, con la nuova Racing Point che sostituisce ufficialmente la Force India dopo il cambio di proprietà ratificato in estate. Inoltre c’è il ritorno del marchio Alfa Romeo che rientra ufficialmente in Formula 1 come costruttore dall’ultima apparizione datata 1985.

La storia del Gran Premio d’Australia

Le prime gare ufficiali disputate in Australia risalgono a fine anni ’20, ma è solo dal 1985 che l’Australia entra a far parte del calendario della Formula 1.

Il circuito cittadino di Adelaide ospita per 11 edizioni il Gran Premio d’Australia ed è sempre l’ultima gara del calendario. Nel 1996 il Gran Premio si sposta a Melbourne ed è da allora uno degli appuntamenti fissi del campionato.

Adelaide

Nel 1985 la Formula 1 fa il suo debutto in Australia, sul circuito cittadino di Adelaide, per la gara conclusiva del mondiale, già conquistato da Alain Prost. Keke Rosberg vince la sua ultima gara in carriera, e quello australiano è anche l’ultimo Gran Premio disputato da Niki Lauda e dall’Alfa Romeo, prima del ritorno di quest’anno.

Alain Prost vince in due occasioni il Gran Premio d’Australia: nel 1986 la vittoria è decisiva per la conquista del titolo mondiale ai danni di Nigel Mansell, mentre nel 1988 la vittoria per Prost arriva con il mondiale già vinto da Ayrton Senna.

Le vittorie di Prost nel 1986 e nel 1988 sono intervallate dalla doppietta Ferrari nel 1987, con Gerhard Berger che vince davanti a Michele Alboreto.

Nel 1989 Thierry Boutsen su Williams vince una gara caratterizzata dal diluvio, mentre nel 1990 è Nelson Piquet su Benetton a conquistare la vittoria.

La gara del 1991 è di nuovo caratterizzata dalla pioggia torrenziale e viene interrotta dopo soli 16 giri. Ayrton Senna è il vincitore di quella che è ancora oggi la gara più breve della storia della Formula 1, per la quale vengono assegnati solamente la metà dei punti iridati.

Senna in azione nel GP di Australia 1991 Foto: Formula 1.

Gerhard Berger su McLaren vince nel 1992, mentre la gara del 1993 fa registrare l’ultima vittoria di Ayrton Senna ed è inoltre l’ultima gara in carriera per Alain Prost.

Nel 1994 vince per l’ultima volta in carriera Nigel Mansell su Williams, ma la gara vede protagonisti Michael Schumacher e Damon Hill con il celebre contatto che costringe entrambi al ritiro e dà il primo titolo mondiale al pilota tedesco.

Foto: Racefans.net

L’ultima gara disputata ad Adelaide, nel 1995, è vinta da Damon Hill, ma si rivela inutile ai fini della conquista del titolo iridato, già assegnato a Michael Schumacher.

Melbourne

La prima gara a Melbourne si disputa il 10 Marzo 1996 e vede il debutto, tra gli altri, di Jacques Villeneuve. Il pilota canadese conquista la pole position e guida a lungo la gara, ma è costretto a rallentare nel finale per un problema meccanico. Damon Hill va a vincere per il secondo anno consecutivo, diventando l’unico pilota a vincere in Australia su entrambi i circuiti.

Nel 1997 e nel 1998 arrivano due vittorie per la McLaren Mercedes, la prima con David Coulthard e la seconda con Mika Hakkinen.

È invece il 1999 quando Eddie Irvine vince la sua prima gara in carriera, preludio alla stagione che lo vedrà in lotta per il titolo fino a fine stagione.

Foto: motorsportitalia.net

Dal 2000 al 2004 Michael Schumacher vince per ben 4 volte il Gran Premio d’Australia con la Ferrari, striscia interrotta solamente dalla vittoria di David Coulthard su McLaren nel 2003, ultimo successo del pilota scozzese in Formula 1.

Il 2005 e nel 2006 vedono due successi per la Renault, rispettivamente con Giancarlo Fisichella e Fernando Alonso.

Nel 2007 Kimi Raikkonen vince al debutto in Ferrari, nel 2008 trionfa Lewis Hamilton su Mclaren, mentre nel 2009 Jenson Button vince con la neonata Brawn GP, che conquisterà poi il mondiale a fine stagione.

Kimi Raikkonen in azione a Melbourne nel 2007. Foto: Formula 1.

Button replica il successo del 2009 nell’anno seguente e nel 2012, in entrambi i casi alla guida della McLaren Mercedes. Nel 2011 la vittoria va invece a Sebastian Vettel su Red Bull, mentre nel 2013 la vittoria di Kimi Raikkonen è l’ultima per la Lotus in Formula 1.

L’era ibrida inizia nel 2014 con il successo della Mercedes di Nico Rosberg, che concede il bis nel 2016. Nel 2015 è invece Lewis Hamilton a vincere il Gran Premio d’Australia.

La vittoria di Rosberg nel 2014 nella prima gara dell’era ibrida. Foto: Repubblica.

Arriviamo infine alle ultime due stagioni, 2017 e 2018, nelle quali è Sebastian Vettel su Ferrari a vincere la gara inaugurale della stagione.

Il Melbourne City Circuit

Il Melbourne City Circuit è un tracciato semipermanente ottenuto collegando le strade che circondano il lago dell’Albert Park. Il circuito ospita la Formula 1 dal 1996 ma esiste fin dagli anni ’50, quando prevedeva un percorso simile a quello attuale ma in senso antiorario. L’Albert Park ospitò diverse gare tra il 1953 e il 1958, alle quali parteciparono anche piloti del calibro di Stirling Moss e Jack Brabham, per poi essere abbandonato per quasi 40 anni.

Foto: Formula 1

Il circuito in uso oggi misura 5.303 km, da percorrere in gara per 58 giri per una distanza complessiva di 307.574 km. La pista presenta 16 curve, di cui 10 a destra e 6 a sinistra.

Le mescole portate da Pirelli per questo primo appuntamento del 2019 sono le C2 (White Hard), C3 (Yellow Medium) e C4 (Red Soft).

La gara vedrà la partenza alle ore 6:10 italiane, mentre le qualifiche inizieranno alle 7.

I record

Tre differenti campioni del mondo hanno fatto segnare i record per il maggior numero di pole position, vittorie e giri veloci.

Pole position

Il miglior poleman del Gran Premio d’Australia è Lewis Hamilton, che ha conquistato a Melbourne ben 7 pole position, di cui le ultime 5 consecutive. Da notare che solamente in due occasioni l’attuale campione del mondo è riusciuto a tramutare la partenza al palo in una vittoria, ossia nel 2008 e nel 2015. Al secondo posto in questa classifica troviamo Ayrton Senna, autore di 6 pole position sul circuito di Adelaide, seguito a quota 3 da Nigel Mansell (anche per il Leone inglese tutte ad Adelaide), Mika Hakkinen, Michael Schumacher e Sebastian Vettel (per questi ultimi a Melbourne), seguiti da Jacques Villeneuve e Jenson Button a quota 2 (a Melbourne).

Nei costruttori McLaren davanti a tutti con 10 pole position (di cui 5 ad Adelaide) , seguita a quota 6 da Williams (4 ad Adelaide) e Ferrari (1 ad Adelaide), poi Mercedes a 5. Seguono Red Bull con 3 pole position e Renault con una.

Vittorie

Michael Schumacher, vincitore a Melbourne nel 2004. Foto: Formula 1.

Il pilota più vittorioso in Australia è Michael Schumacher, capace di conquistare 4 successi a Melbourne nel 2000, 2001, 2002 e 2004. Alle spalle del campione tedesco troviamo Jenson Button e Sebastian Vettel con 3 vittorie ciascuno, seguiti da David Coulthard, Kimi Raikkonen, Lewis Hamilton e Nico Rosberg con 2 successi a testa ottenuti a Melbourne. Altri piloti che hanno ottenuto 2 vittorie in Australia sono Alain Prost, Gerhard Berger, Ayrton Senna che hanno vinto per due volte ad Adelaide, mentre Damon Hill ha conquistato una vittoria ad Adelaide ed una a Melbourne.

Tra i costruttori McLaren davanti a tutti con 11 vittorie complessive tra Adelaide (5) e Melbourne (6). Ferrari segue a quota 9 ma è la scuderia più vittoriosa a Melbourne, con ben 8 successi. Troviamo poi Williams a 5 vittorie (4 ad Adelaide, una a Melbourne), Mercedes a 3, Renault a 2, Red Bull a 1 (questi ultimi tutti a Melbourne).

Giri veloci

Kimi Raikkonen è stato autore in carriera di 6 giri veloci a Melbourne, seguito in questa classifica da Michael Schumacher a 5 (2 Adelaide, 3 Melbourne), Gerhard Berger e Damon Hill (2 ad Adelaide), Nico Rosberg e Daniel Ricciardo (2 a Melbourne).

Tra le scuderie Ferrari comanda la classifica con 9 giri veloci, davanti a McLaren a 8 e Williams a 7. Troviamo poi Red Bull a quota 3 giri veloci, Mercedes a 2 e Renault a 1.

Record sul giro

Questi i record sul giro di Melbourne:

Qualifica: L. Hamilton (Mercedes) – 2018: 1:21.164 (media 235.213 km/h).

Gara: S. Vettel (Ferrari) – 2017: 1:24.125 (media 226.934 km/h).

Distanza in gara: M. Schumacher (Ferrari) – 2004: 1h 24m 15.757s (media 219.011 km/h) – su 58 giri.

Così nel 2018

Sebastian Vettel vince per il secondo anno consecutivo il Gran Premio d’Australia, sfruttando al massimo l’ingresso della Virtual Safety Car e beffando Lewis Hamilton. Il campione del mondo inglese termina la gara in seconda posizione davanti a Kimi Raikkonen, che sale sul gradino più basso del podio.

Pole Position: L.Hamilton (Mercedes) – 1:21.164

Ordine d’arrivo: 1. S.Vettel (Ferrari)2. L.Hamilton (Mercedes) – 3. K.Raikkonen (Ferrari)

Giro veloce: D.Ricciardo (Red Bull) – 1:25.945 – Giro 54/58

73a pole position per Lewis Hamilton.

48a vittoria e 100° podio per Sebastian Vettel.

230a vittoria per Ferrari.

Esordio in Formula 1 per Charles Leclerc e Sergey Sirotkin.

Intervista ESCLUSIVA a Giancarlo Fisichella: “Leclerc ha tutti i numeri per andar forte, non sarà lontano da Vettel”

Condividi

Ingegnere Meccanico con una grande passione per il mondo della Formula 1 e del motorsport. Admin della pagina Instagram @vuliusgp.

Disqus Comments Loading...

Articoli Recenti

WEC | 8 ore del Bahrain – Analisi prove libere: tempi, velocità massima, gomme

Le prove libere della 8 ore del Bahrain WEC mostrano una Toyota in difficoltà e una Rebellion sugli scudi: l'analisi…

1 ora fa

WEC | 8 ore del Bahrain – Sintesi Prove Libere: Rebellion e Aston Martin davanti!

Le prove libere del giovedì per la 8 ore del Bahrain WEC vedono Rebellion e Ginetta occupare le prime posizioni…

4 ore fa

F1 | Analisi fine stagione: L’annata d’oro della Mercedes

A pochi giorni dal gran finale di Abu Dhabi è tempo di tirare le somme sulla stagione d'oro del team…

5 ore fa

DTM – SuperGT: è possibile una unificazione dei due campionati?

DTM-SuperGT, due campionati turismo in cerca di una connotazione globale. Ma un’unificazione sarebbe possibile? Cerchiamo di fare chiarezza sulle principali…

5 ore fa

WEC | Calendario provvisorio 2020/2021: l’Endurance sbarca a Monza!

Una delle più grandi mancanze del calendario WEC viene finalmente colmata nella stagione 2020/2021: l'Endurance sbarca ufficialmente a Monza. L'Autodromo…

7 ore fa

MotoE | Torres si aggiunge ai piloti nel campionato elettrico

Il piltoa spagnolo Jordi Torres si unisce al campionato elettrico nel 2020. Torres si aggiunge nel campionato elettrico Nella prossima…

9 ore fa

Questo sito si serve dei cookie di per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico.