F1 | Record e statistiche GP Bahrain: il rosso svetta nel deserto di Sakhir

Il 15° Gran Premio del Bahrain è la gara numero 999 della storia della Formula 1. Il secondo appuntamento stagionale ci porta nel deserto di Sakhir, dove per il sesto anno consecutivo si correrà in notturna.  F1 GP Bahrain

Foto: Formula 1

Torna questo weekend l’appuntamento con il mondiale di Formula 1. Dopo la prima gara in Australia ci sono stati d’animo diversi nel paddock: Bottas vorrà confermarsi sul circuito dove ha ottenuto la prima pole in carriera, mentre la Ferrari cerca il riscatto dopo il deludente weekend australiano, con Vettel a caccia della terza vittoria di fila in Bahrain.

La storia

Primo paese del Medio Oriente ad ospitare un Gran Premio di Formula 1, il Bahrain inizia la sua storia nella massima categoria nel 2004, con il dominio di Michael Schumacher e della Ferrari che ottengono pole position, vittoria e giro più veloce.

Nel 2005 e nel 2006 è Fernando Alonso a vincere al volante della Renault. La gara del 2005 è riconosciuta come la gara più calda della storia della Formula 1, con temperature registrate fino a 44°C. Nel 2006 invece il Gran Premio del Bahrain apre la stagione di Formula 1, in un anno ricco di novità con il passaggio ai propulsori a 8 cilindri e il debutto, tra gli altri, di Nico Rosberg e della Scuderia Toro Rosso.

Le edizioni del 2007 e del 2008 vedono il successo di Felipe Massa su Ferrari e l’unica pole position conquistata da Robert Kubica e la BMW nell’edizione del 2008. Nel 2009 Jarno Trulli parte per l’ultima volta in carriera in pole position ma la gara è vinta da Jenson Button su Brawn GP.

Il 2010 è un anno speciale per il Bahrain: la gara apre la stagione (come nel 2006) e per festeggiare i 60 anni della Formula 1 si corre su un layout del circuito differente detto Endurance, lungo 6.299 km. Fernando Alonso vince al debutto con la Ferrari, un inizio da favola per una storia lunga e difficile.

Fernando Alonso vincitore in Bahrain nel 2010. Foto: BBC.

A

Dopo l’annullamento del 2011 per le sommosse popolari nella regione, arrivano due successi per Sebastian Vettel e la Red Bull nel 2012 e 2013. Entrambe queste edizioni sono caratterizzate dagli stessi tre piloti sul podio, il già citato Vettel, seguito da Kimi Raikkonen e Romain Grosjean, entrambi su Lotus.

Il 2014 è il primo anno in cui la gara si corre in notturna, ed è ricordata per l’intenso duello tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, conclusosi con la vittoria dell’inglese. Hamilton si ripete anche nel 2015, mentre è Rosberg a vincere nel 2016.

Nico Rosberg e Lewis Hamilton in lotta nel GP del Bahrain 2014. Foto: motor1.com

Nelle ultime due stagioni Sebastian Vettel e la Ferrari riescono ad interrompere il dominio Mercedes in Bahrain, conquistando due vittorie nelle due gare del 2017 e 2018.

Il Bahrain International Circuit

Il Bahrain International Circuit di Sakhir è un tracciato permanente situato 30 km a sud di Manama, capitale del Bahrain. La pista è caratterizzata dalla possibilità di scegliere 5 differenti layout, tra cui quello Endurance utilizzato nella gara del 2010.

Foto: Formula 1

Nella configurazione attualmente in uso il circuito misura 5.412 km, da percorrere in gara per 57 giri, per una distanza totale di 308.238 km. Il tracciato ha subito una lieve modifica in curva 4 dal 2005, con una lunghezza inferiore di 5 metri rispetto alla configurazione originaria di 5.417 m.

La pista è caratterizzata da 15 curve, di cui 9 a destra e 6 a sinistra e da 4 lunghi rettilinei con 2 zone DRS: la prima nel tratto tra le curve 10 e 11, la seconda sul rettilineo del traguardo.

Le mescole portate da Pirelli sono le tre più dure della gamma 2019, ovvero la C1 (White Hard), la C2 (Yellow Medium) e la C3 (Red Soft).

La gara inizierà alle ore 17:10 italiane (clicca qui per conoscere gli orari di tutte le sessioni).

Oltre alla gara di Formula 1, in Bahrain inizierà anche la stagione 2019 di Formula 2.

I record

Sebastian Vettel comanda le classifiche di pole position e successi in Bahrain, con la Ferrari che è il team più vittorioso.

Pole position

Sono 3 le pole position conquistate da Vettel, nel 2010, 2012 e 2018. Seguono con due pole ciascuno Michael Schumacher, Nico Rosberg e Lewis Hamilton. Gli altri piloti ad aver conquistato una pole a Sakhir sono Fernando Alonso, Felipe Massa, Robert Kubica, Jarno Trulli e Valtteri Bottas.

Tra i costruttori Mercedes davanti a tutti con 5 partenze al palo, seguita da Ferrari a quota 4, Red Bull a 2, Renault BMW e Toyota a 1.

Vittorie

Sebastian Vettel ha conquistato in Bahrain ben 4 vittorie, nel 2012 e 2013 con Red Bull e nel 2017 e 2018 con Ferrari. Il tedesco è seguito in questa classifica da Fernando Alonso con 3 successi, poi Felipe Massa e Lewis Hamilton a quota 2, Michael Schumacher, Jenson Button e Nico Rosberg a 1. F1 GP Bahrain

La prima vittoria di Vettel in Bahrain nel 2012. Foto: Racefans.net

Ferrari vittoriosa per 6 volte in Bahrain, con 4 piloti diversi: Schumacher nel 2004, Massa nel 2007 e 2008, Alonso nel 2010, Vettel nel 2017 e 2018. Mercedes segue con 3 successi, poi Renault e Red Bull a 2 e Brawn GP a 1.

Giri veloci

Nico Rosberg è stato autore di 3 giri veloci in Bahrain, nel 2006, 2014 e 2016. Sebastian Vettel secondo in questa classifica con 2 giri veloci, poi tanti piloti che hanno fatto registrare un giro veloce: Michael Schumacher, Pedro de la Rosa, Felipe Massa, Heikki Kovalainen, Jarno Trulli, Fernando Alonso, Kimi Raikkonen, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas.

Nei costruttori Ferrari e Mercedes guidano questa classifica con 4 giri veloci ciascuna, McLaren e Red Bull a quota 2, Williams e Toyota a 1.

Record sul giro

Qualifica: S. Vettel (Ferrari) – 2018: 1:27.958 (media 221.506 km/h).

Gara: P. de la Rosa (McLaren) – 2005: 1:31.447 (media 213.251 km/h).

Distanza in gara: M. Schumacher (Ferrari) – 2004: 1h 28m 34.875s (media 209.143 km/h) – su 57 giri.

Il record sul giro in gara ufficiale è detenuto da Pedro de la Rosa in 1:31.447, nel 2005. Va precisato che nel 2004 Michael Schumacher ottenne il miglior tempo in gara in 1:30.252, ma su una configurazione di circuito differente da quella attuale (più lunga di 5 metri). F1 GP Bahrain

Così nel 2018

Foto: Formula 1.

Sebastian Vettel vince il Gran Premio del Bahrain gestendo perfettamente le gomme e resistendo all’attacco finale di Valtteri Bottas. Terzo Lewis Hamilton dopo una rimonta dalla nona posizione da cui era partito.

Pole Position:  S.Vettel (Ferrari) – 1:27.958

Ordine d’arrivo: 1.  S.Vettel (Ferrari) – 2. V. Bottas (Mercedes) – 3. L.Hamilton (Mercedes)

Giro veloce: V. Bottas (Mercedes) – 1:33.740 – Giro 22/57

51a pole position e 49a vittoria per Sebastian Vettel.

231a vittoria per Ferrari. F1 GP Bahrain

Orari del Week End: GP Bahrain 2019 – Anteprima e orari TV su Sky e TV8 [F1 – F2]

mm

Emanuele Di Meo

Ingegnere Meccanico con una grande passione per il mondo della Formula 1 e del motorsport. Admin della pagina Instagram @vuliusgp.