F1 | Red Bull commenta la partenza di Honda: “Siamo delusi, cercheremo la miglior soluzione per il 2022”

Christian Horner, team principal Red Bull, ha commentato con amarezza l’addio di Honda alla Formula 1, assicurando che Red Bull spingerà per trovare la miglior Power Unit in ottica 2022

Horner Honda
credits: Red Bull Racing

L’addio di Honda è stato un fulmine a ciel sereno per noi, ma non per Red Bull. La squadra austriaca era stata messa a conoscenza dalla casa nipponica del suo possibile ritiro dalla Formula 1 già ad agosto, ma la decisione finale è stata presa soltanto al termine di settembre. Horner Honda

Red Bull si ritroverà così costretta ad una scelta obbligata: cambiare fornitore in ottica 2022 e costruire il progetto della nuova regolamentazione intorno ad esso. Non è dunque una situazione ideale quella in cui si ritrova la squadra austriaca: la rivoluzione tecnica per Red Bull non riguarderà soltanto telaio ed aerodinamica, ma anche la Power Unit.

Christian Horner: “La partenza di Honda una nuova sfida per noi”

Come squadra abbiamo compreso quanto difficile sia stata per Honda la decisione di lasciare la Formula 1 al termine del 2021.” – commenta Horner sul sito ufficiale Red Bull. “Lo spostamento del focus all’industria automobilistica ha spinto Honda a ridistribuire le proprie risorse e noi capiamo e rispettiamo le sue ragioni.”

“La loro scelta significa una nuova sfida per noi come squadra, ma noi eravamo qua [in Formula 1, ndr] già prima, e con la nostra forza siamo preparati e pronti a rispondere in modo efficace, come abbiamo già fatto in passato.”

“Siamo delusi di non continuare con Honda”

“Al tempo stesso siamo delusi di non continuare la nostra partnership con Honda. – prosegue Horner. “Siamo infinitamente orgogliosi del successo che abbiamo raggiunto, con 5 vittorie e 15 podi tra i due team Red Bull. Vogliamo ringraziare Honda per gli sforzi e l’impegno straordinario. 

“Ci assicureremo la più competitiva Power Unit”

“I nostri obbiettivi comuni per il resto della stagione 2020 e per il 2021 rimangono invariati: combattere per le vittorie e mirare ai campionati. Come firmatari dell’ultimo Patto della Concordia, Red Bull mantiene l’impegno nello sport a lungo termine e non vediamo l’ora di iniziare una nuova era di innovazione, sviluppo e successo. Come gruppo, ci prenderemo del tempo per ulteriori valutazioni al fine di trovare la più competitiva Power Unit per il 2022 e oltre.”

Seguici anche su Instagram

F1 | Ecco quali aggiornamenti porterà la Ferrari al Nurburgring

 

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"