F1 | Ferrari contro Red Bull: “Il congelamento delle Power Unit non è una priorità”

Red Bull vorrebbe anticipare il blocco dello sviluppo al 2022, in modo da continuare ad utilizzare la Power Unit Che Honda realizzerà nel suo ultimo anno di F1. Tra i team si oppone la Ferrari. Red Bull ha anche minacciato di lasciare la F1, ma sono in molti nel Circus a pensare che non farebbe bene alla F1.

red bull ferrrari motori
credits @Red Bull Facebook

Scontro tra Ferrari e Red Bull sullo sviluppo dei motori dopo il 2021.

Per la Ferrari la proposta della Red Bull di congelare lo sviluppo del motore, in modo che possa utilizzare i motori Honda a un costo ridotto, non rappresenta una priorità al momento.

Red Bull vorrebbe anticipare il blocco dello sviluppo al 2022, quando al momento è previsto per il 2023.

Questa necessità deriva dal fatto che, quando Honda lascerà la F1 alla fine del prossimo anno, Red Bull potrà continuare a utilizzarne i motori senza dover investire nello sviluppo.

Mercedes ha dichiarato pubblicamente che sosterrà l’idea della Red Bull. Renault la sosterrà se la parità delle prestazioni del motore potrà essere raggiunta entro la fine del 2021. La Ferrari è contraria.

Le dichiarazioni di Mattia Binotto

Parlando della questione per la prima volta, il capo del team Ferrari Mattia Binotto ha minimizzato l’importanza del congelamento.

La questione del motore è uno dei punti da affrontare nell’incontro”, ha ammesso. “Non sono sicuro quando ma ne discuteremo.

Ma penso che prima di discutere l’avvio del congelamento, è più importante iniziare a discutere del 2026, cioè del nuovo formato tecnico per la nuova unità di potenza, dovremmo anche affrontare la questione dei costi. Lo vedo come una priorità assoluta e il congelamento solo una seconda priorità.”

È improbabile che anticipare il blocco allo sviluppo del motore sia nell’interesse competitivo della Ferrari. La scuderia italiana è rimasta indietro rispetto ai suoi rivali e appoggiare la proposta della Red Bull significherebbe perdere un anno di sviluppo.

C’è anche la preoccupazione che un congelamento anticipato del motore possa rendere impossibile l’obiettivo della F1 di utilizzare carburanti sostenibili al 100% per il 2023.

Non vi è alcuna garanzia, tuttavia, che Ferrari manterrà una posizione di linea dura. Può darsi che Binotto voglia una concessione di qualche tipo in cambio del congelamento del motore.

La Red Bull nei giorni scorsi ha minacciato di voler lasciare la Formula 1.

I punti di vista di McLaren e Racing Point

I clienti Mercedes 2021, cioè McLaren e Racing Point, hanno dichiarato di voler la partecipazione della Red Bull in F1


Vogliamo che entrambi i team Red Bull partecipino alla Formula 1, sono entrambi grandi team“, ha dichiarato Zack Brown, CEO della McLaren. “Naturalmente non facciamo motori, quindi lasciamo decidere Mercedes, il nostro futuro partner di motori, sulle normative riguardo i motori. A questo punto, fino a quando non verrà discusso, è un po’ prematuro avere le idee chiare.”

Otmar Szafnauer ha lasciato intendere che vorrebbe che la concorrenza dei motori rimanesse.

I team Red Bull sono entrambi una parte importante della Formula 1, sia Red Bull che AlphaTauri, e di sicuro abbiamo bisogno che rimangano“, ha detto Szafnauer. Per quanto riguarda il congelamento dei motori, questa è una domanda per Mercedes. Tuttavia, è salutare per noi avere uno sport in cui si compete un po’ sul motore, si compete un po’ sul telaio, si compete un po’ sul set-up e si compete un po’ sui piloti e penso che escludendo uno qualsiasi di quelli, non sia Formula 1.”

Le dichiarazioni di Haas e Alfa Romeo

Haas e Alfa Romeo, clienti Ferrari, hanno sofferto in questa stagione a partire dal calo delle prestazioni del motore Ferrari.

Il capo della Haas, Gunther Steiner, ha detto di essere disponibile ad appoggiare la proposta di congelamento, ma che accetterà qualsiasi decisione sia stata presa.

“I produttori di motori, tra di loro, devono decidere che vale la pena investire molto più denaro nello sviluppo del motore che abbiamo ora o dovremmo investire nella tecnologia per il futuro, ma non possiamo decidere,” ha detto Steiner. “Io non ho alcun potere di voto”.

Il team principal di Alfa Romeo Frederic Vasseur ha affermato che la F1 deve avere una visione a lungo termine che guardi al di là degli interessi individuali.

La discussione è per i fornitori, non per noi“, ha detto. Ci aspettiamo di avere un motore più economico, ma dobbiamo occuparci di questo tipo di richiesta di congelare il motore. Viene sempre da qualcuno che ha un interesse personale”.

Ricordo che durante la discussione che abbiamo avuto lo scorso inverno Honda stava spingendo per evitare di congelare il motore. Ma dobbiamo prendere una decisione, non in base a quello che è successo l’anno scorso o a quello che è successo negli ultimi sei mesi, ma su ciò che potrebbe accadere nei prossimi 10 anni.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Toto Wolff: “Contento che Ferrari lotti per le prime posizioni, la Formula 1 ne ha bisogno. Ho amato i primi giri con la pioggia”

 

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.