F1 | Red Bull correrà col marchio “Acura” nel GP degli States

Red Bull, dopo aver gareggiato con la livrea bianca in Turchia al GP degli Stati Uniti correrà col marchio di lusso di Honda, Acura.

verstappen f1 turchia
Credits: Red Bull Conten Pool

Red Bull, dopo aver sfoggiato in Turchia la livrea celebrativa per ringraziare Honda, si prepara a correre il GP degli States col marchio Acura.

Acura è il marchio di lusso della Honda presentato nel 1986. Oltre a produrre automobili stradali da allora il marchio ha gareggiato con altre case di lusso come Audi, BMW, Mercedes, Jaguar, ecc.

La scuderia austriaca scenderà in pista senza stravolgere il suo solito outfit, come fatto in Turchia. Il marchio non prenderà il posto del nome Honda ma sarà comunque visibile sulle tute e sulle vetture dei piloti.


Leggi anche:F1 | GP Turchia – Livrea speciale per Red Bull e Alpha Tauri in onore di Honda


Il GP degli States tornerà nel calendario dopo un anno di pausa a causa della pandemia. Nell’edizione 2019 la Mercedes ha piazzato le sue due monoposto in prima e seconda posizione. Invece Red Bull, con Verstappen, è riuscita ad arrivare sul gradino più basso del podio a +1 secondo.

Aggiudicarsi la vittoria per Max vuol dire allungare il distacco sul proprio rivale diretto Hamilton, oltre che aggiudicarsi l’ottava vittoria in questo splendido anno per lui. Ma per Red Bull vuol dire anche guadagnare punti importanti in classifica costruttori.

In questo momento Max e Lewis si trovano a soli 6 punti di differenza con a capo il pilota olandese. Invece per quanto riguarda la classifica costruttori è capeggiata da Mercedes con Red Bull subito dietro con un distacco di 36 punti. Questo sarà uno dei mondiali più serrati degli ultimi anni.

Speriamo che la gara possa vedere tutti e quattro i piloti dei rispettivi team combattere per i gradini più alti del podio.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Erik Jozsef Vaccari

Classe ’99. Appassionato di Formula 1 dal 2016. Studio economia del turismo a Rimini. Futuro giornalista? Futuro imprenditore alberghiero? Non so vedremo. Ora testa bassa e si lavora duro.