Pubblicato il 15 Febbraio, 2021 alle 11:54

F1 | Red Bull, raggiunto l’accordo con Honda per proseguire insieme fino al 2025

Red Bull e AlphaTauri continueranno con le power unit Honda fino al 2025. La scuderia di Milton Keynes gestirà in modo autonomo i propulsori.

Foto: Minardi

La Red Bull e l’AlphaTauri continueranno ad utilizzare i motori Honda fino al 2025, anche dopo l’addio alla Formula 1 da parte della casa giapponese, al termine della stagione 2021. La scuderia di Milton Keynes gestirà in modo autonomo i propulsori per tutti il periodo del congelamento. Anche AlphaTauri potrà avvalersi degli stessi motori.

A seguito della notizia dell’abbandono della Honda lo scorso ottobre, il team Red Bull ha avviato trattative con il produttore giapponese per raggiungere un accordo. L’obiettivo? Continuare ad utilizzare la loro tecnologia, invece di dover tornare al motore Renault.

Dopo la conferma di venerdì 11 Febbraio, le due parti hanno trovato un accordo, con la scuderia austro-britannica che ha formato una nuova società di stanza a Milton Keynes, la Red Bull Powertrains Limited, per gestire il progetto.

Le parole di Helmut Marko

Helmut Marko, consigliere del team Red Bull, si è detto soddisfatto e grato per questa rinnovata partnership, nonché per la creazione della Red Bull Powertrains Limited.

“Abbiamo discusso di questo argomento con Honda per un po’ di tempo. A seguito della decisione della FIA di congelare le PU dal 2022, abbiamo potuto raggiungere un accordo sull’uso continuato dei motori Honda“, ha dichiarato infatti Marko.

“Siamo grati per la collaborazione della Honda in questo senso e per aver contribuito a garantire che sia la Red Bull Racing che la Scuderia AlphaTauri continuino ad avere unità di potenza competitive”.

“La creazione di Red Bull Powertrains Limited è una mossa coraggiosa di Red Bull”, sostiene Marko. “È però una mossa che abbiamo fatto dopo un’attenta e dettagliata considerazione. Siamo consapevoli dell’enorme impegno richiesto ma crediamo che la creazione di questa nuova società sia l’opzione più competitiva per entrambe le squadre”.

La soddisfazione di Honda

La casa giapponese, dal canto suo, attraverso Koji Watanabe, Chief Officer Brand and Communication Operations di Honda, fa sapere di essere lieta per la nuova partnership. In questo modo si potrà combinare l’impegno in Formula 1 con quello verso l’obiettivo “zero emissioni” entro il 2050.

Siamo pienamente impegnati nel nostro obiettivo di Honda a zero emissioni di carbonio entro il 2050. Per questo motivo stiamo deviando le nostre risorse di F1 verso questo nuovo obiettivo”.

“Tuttavia siamo un’azienda che è stata coinvolta nella Formula 1 per diversi decenni”, ha continuato Watanabe. “Per questa ragione abbiamo ritenuto che fosse la cosa giusta da fare per aiutare le nostre due squadre attuali e lo sport nel suo insieme”.

“Consentire a Red Bull Racing e Scuderia AlphaTauri di utilizzare la nostra tecnologia sulle PU, dovrebbe garantire loro la possibilità di gareggiare in modo competitivo, il che è positivo anche per lo sport e i fan”, ha concluso.

 

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Haas: Il fire-up della vettura avverrà solo ai test in Bahrain

 

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.
Disqus Comments Loading...