F1 | Red Bull tira un sospiro di sollievo: il motore di Verstappen è ok

Il motore di Verstappen non ha subito danni dopo il tremendo incidente di Silverstone: a comunicarlo è il consigliere Red Bull Helmut Marko.Red Bull motore Verstappen

Arriva una notizia positiva in casa Red Bull: dopo le analisi di Honda, è stato dato l’ok al motore di Max Verstappen. Dopo esserci assicurati che l’olandese stesse bene dopo l’incidente con Lewis Hamilton durante il Gran Premio di Silverstone, l’attenzione è stata rivolta ai danni subiti dalla sua RB16B. Danni che Red Bull ha affermato  di essere circa si un milione e otto sterline. Fortunatamente, però, in quella grande somma non ci sarebbe da tenere conto del motore. Perché dalle ultime analisi di Honda la power unit è integra ed utilizzabile.


Leggi anche

Rubrica Fellon | Il grande fallimento targato Mercedes


Honda ha ora dato il via libera al motore. Può continuare ad essere usato. Questo significa che non dobbiamo più preoccuparci di avere una penalità in griglia ad un certo punto“, ha detto il consigliere Red Bull Helmut Marko a F1-insider. Negli ultimi giorni era emersa la preoccupazione della casa giapponese al riguardo del motore. Infatti, il motore era subito stato inviato in Giappone per ulteriori analisi. Ora non ci dovrebbero essere più dubbi: Verstappen correrà in Ungheria con la stessa power unit e potrà così evitare il secondo cambio di motore stagionale. Secondo il regolamento, infatti ogni pilota può montarne tre diversi nel corso di una stagione. Sarebbe stato veramente rischioso per Red Bull cambiare un secondo motore a nemmeno metà stagione. Alla Red Bull, però, non credono che L arriverà una punizione per Hamilton. Helmut Marko sempre per F1-Insider.com: “Tutto è possibile: che la punizione di Hamilton sia rafforzata, disinnescata o addirittura che sia completamente assolto. Ci interessa solo tenere conto delle nuove scoperte che abbiamo fatto in questi giorni e che porteremo agli steward. E che Max chiaramente veda che siamo completamente con lui”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.