F1 | Red Bull – Verstappen: “Fondamentali i punti persi a Baku, li sentiremo nei prossimi circuiti”

Per Max Verstappen, i punti persi al GP d’Azerbaijan si riveleranno particolarmente importanti. Per l’olandese, infatti, la Red Bull è avvantaggiata su Mercedes principalmente nei circuiti cittadini, motivo per cui Baku era fondamentale, prima del ritorno a circuiti più standard.

Red Bull Verstappen
Max Verstappen, Press Conference. Fonte: grandprix.com

Per Max Verstappen, il black out della Mercedes durante il GP di Baku è solo temporaneo e proprio per questo, la Red Bull avrebbe dovuto approfittarne. La pessima performance del team di Brackley infatti, secondo l’olandese è destinata ad essere dimenticata già con il prossimo appuntamento in Francia. In circuiti più tradizionali, la Red Bull ha prestazioni inferiori alla Mercedes, motivo per cui era fondamentale sfruttare i circuiti cittadini.

Verstappen al momento è in testa al campionato, dominando di quattro punti sul rivale, Lewis Hamilton. Con il GP di Baku l’olandese ha però visto sfumare un’ottima opportunità di aumentare il distacco e mettere così pressione al britannico.

Il commento di Verstappen

“Sono ancora arrabbiato e deluso, perché avremmo dovuto aprire di più quel divario in campionato. Avremmo dovuto prenderci una vittoria comoda qui a Baku con la Red Bull” ha detto infatti Verstappen. “Penso, infatti, che soprattutto sui circuiti cittadini, rispetto alla Mercedes, abbiamo un po’ di vantaggio ed è per questo che volevo ovviamente superarli. So che quando torneremo alle piste normali, sarà molto dure e molto difficile batterli”.

Leggi anche:

F1 | Le ultime sul calendario 2021: 3 gare a rischio, ecco i circuiti pronti ad entrare nel mondiale

Per Verstappen, non è stato complesso guidare il resto del gruppo sul circuito di Baku, grazie ad una Red Bull in ottima forma.

“Non è stato affatto difficile” ha detto l’olandese. “Inizialmente stavo solo tenendo un po’ il ritmo e controllando ciò che succedeva dietro di me. Già prima della safety car, ero tre o quattro decimi più veloce al giro, senza nemmeno rovinare troppo le gomme. Poi, dopo la ripartenza, ho aumentato il mio distacco, di nuovo a quattro secondi, ed ero abbastanza a mio agio. A quel punto ero convinto di poter vincere senza correre troppi rischi”.

“Quindi sì, questo lo rende ancora più deludente, perché non mi aspetto che ci siano molte gare in cui possiamo facilmente, diciamo, guadagnare 25 punti. Quando andremo su piste normali, infatti, la Mercedes tornerà al massimo e sarà una battaglia davvero dura”. 

Riguardo al suo avversario principale, Verstappen non crede che la pressione della lotta per il titolo stia spingendo Hamilton a commettere errori:

“Voglio dire, tutti cercano di fare del loro meglio, giusto? Non penso che stia commettendo errori perché si sente sotto pressione. Certo, quest’anno non si tratta solo del suo compagno di squadra, deve lottare per il campionato con una squadra diversa. Questo porta la lotta ad un livello superiore, il che penso sia fantastico per il nostro sport”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.