A TCFormula 1

F1 | Regolamento F1, cambiano regole per le power unit e il DRS

Il giorno 5 febbraio si è riunita la commissione della F1 per apportare aggiornamenti sostanziali al regolamento: ecco le grandi novità su DRS e power unit

Arrivano nuove modifiche al regolamento FIA con un particolare interesse alle power unit e al DRS. Non solo: si è discusso anche di sostanziali modifiche al format dei fine settimana che prevedono la gara Sprint. La riunione si è svolta oggi, 5 febbraio, presso gli uffici della Formula One Management a Londra proprio per definire i dettagli ultimi in vista dell’avvio della prossima stagione.

L’incontro è stato tenuto dal direttore delle monoposto della FIA Nikolas Tombazis e presieduto dall’amministratore delegato della F1 e di FOM Stefano Domenicali. Gli aggiornamenti al regolamento tecnico e sportivo, dunque, sono stati così chiariti.

regolamento drs power unit
@FIA

È stata concordata una proposta per aumentare la dotazione di unità di potenza a quattro per pilota (e vettura) per le stagioni 2024 e 2025“. Dunque, dopo varie critiche alla precedente normativa, finalmente si è ottenuto l’aumento di disponibilità di power unit per stagione. Considerando le 24 gare e le 6 Sprint, è evidente che solo 3 power unit sarebbero state decisamente troppo poche.


Leggi anche: F1 | Red Bull, Horner licenziato per delle foto compromettenti?


Poi arrivano grandi novità anche per l’utilizzo del DRS. “L’attivazione del DRS per la gara sarà anticipato a un giro invece che a due dopo l’inizio della Gara (come era stato fino alla scorsa stagione), o alla ripartenza a seguito di una Safety Car“. Anche per la safety, infatti, l’utilizzo veniva posticipato a dopo due giri dal rientro.

In più, fanno sapere da FOM, che sono state discusse anche altre normative che però entreranno in vigore con il nuovo regolamento dal 2026. Infatti, tra due anni, cambierà radicalmente il regolamento e a quanto pare si sta ancora discutendo sul da farsi. Si attenderanno, dunque, ulteriori aggiornamenti nei prossimi mesi a riguardo.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.