F1 | Resoconto novità tecniche GP Singapore 2018

Ben tornati lettori, in questa rubrica, per parlare delle novità portate dalle varie squadre, per l’appuntamento asiatico.

Mercedes

I “grigi” si sono presentati per questo appuntamento con tre stabilizzatore di flusso montati sull’halo, ma questa soluzione non è stata mai utilizzata nel weekend.

Altra novità portata da Mercedes è la paratia dell’ala posteriore, ora con nuove aperture verticali, utili per migliorare l’efficienza dell’ala e quella generale della monoposto.

Ferrari

Da Maranello arriva una nuova ala posteriore, chiaramente ispirata a quella McLaren, con delle soffiature verticali sulla paratia laterale, utili a stabilizzare il flusso in uscita dalle paratie, migliorando l’efficienza generale del retrotreno ed implementando un leggero aumento di downforce, grazie anche all’apertura di una feritoia orizzontale in più (ora sono 5, in precedenza erano 4).

Ph. A.Fabrega
Red Bull

I “bibitari” hanno presentato a Singapore dei nuovi sidepods, che ora presentano solo 3 elementi, rispetto ai 4 delle versione precedente. Questo oltre a migliorare l’efficienza, dovrebbe essere capace di pulire la vena d’aria che corre verso l’interno delle ruote posteriori e che lavora in sinergia con i flap della presa d’aria dei freni e del diffusore.

Ph. A.Fabrega
Haas

In Haas hanno modificato il bordo d’entrata del fondo-vettura, dopo che era stata chiesta dalla federazione una modifica e a Monza era arrivata la squalifica dai commissari.

La novità più grossa riguarda la nuova fila di vorticatori di flusso verticali montati davanti ai bargebords. In questo la VF-18 si dimostra una delle monoposto più complesse. Ovviamente questi vorticatori hanno lo scopo di rendere stabili i flussi anteriori ai bargebords e di accompagnarli nel viaggio attorno alla monoposto. Non è da escludere che abbiano anche la funzione di quelli Mercedes, nominati “anti-scia”, ovvero capaci di creare vortici negativi per le monoposto che seguono e rallentare nei tratti misti dove è richiesto l’uso del l’aerodinamica al 100%.

Force India

Grazie ai nuovi capitali, portati da Lawrence Stroll & Co., la Force India è riuscita a portare novità alla propria monoposto.

La prima riguarda gli specchietti, che ora sono ancorati direttamente sulle pance dell’auto ed hanno perso il supporto ad L rovesciata, che li collegava alla scocca;

Nuovi bargebords, ora direttamente ancorati alla scocca attraverso un’appendice di esso, che si i curva agganciandosi al telaio. Questo creerebbe un canale in cui l’aria viene portata nella zona anteriore delle pance e migliorare lo scorrimento di essa verso il retrotreno.

Nella zona dietro ai bargebords, è apparsa una nuova soffiatura nell’appendice anteriore del fondo, che serve a portare 7na maggior quantità d’aria sotto la vettura, ed inoltre sono apparse altre pinnette verticali nella zona del fondo sottostante la presa dei radiatori, che servono ad incanalare i flussi diretti verso il diffusore.

Williams: modificato lo scivolo sotto il muso della FW41, che ora presenta una sezione più squadrata (immagine inferiore), mentre prima era molto simile a quello Mercedes, con una sezione più arquata.

Ph. A.Fabrega

F1 | GP Singapore – Perez: “un weekend da dimenticare”

F1 | Resoconto novità tecniche GP Singapore 2018
Lascia un voto