F1 | Ricciardo: “Frenata principale differenza tra McLaren, Red Bull e Renault”

Il pilota australiano ha analizzato la sua sessione di test con la scuderia di Woking, classificatosi nelle tre giornate rispettivamente settimo, nono e settimo. La differenza principale notata da Ricciardo, in confronto con le esperienze passate in altri team di F1, riguarda la frenata.

f1 ricciardo frenata

La McLaren rappresenta la terza tappa nelle quattro stagioni affrontate da Daniel nella sua carriera in Formula 1. Dopo i test in Bahrein ha voluto raccontare le sue difficoltà nell’adattarsi alla nuova monoposto. In particolare Ricciardo ha notato quanto cambi il sistema di frenata nei diversi team di F1 per cui ha corso.

Tutto è ovviamente diverso, quindi mi sto ancora adattando alle novità. Passando da Red Bull a Renault e da Renault a McLaren, la frenata è a mio parere la cosa più importante a cui ti devi adattare. Devo capire la macchina, qual è il suo limite. Ma negli ultimi due anni la scuderia ha dimostrato di avere una buona risposta alla frenata” – continua l’italo-australiano, dimostrandosi positivo ma allo stesso tempo un po’ preoccupato in vista dell’inizio della stagione – “Spero possiate vedere al più presto alcuni miei sorpassi!”.

Le staccate sono gli assi nella manica di Daniel Ricciardo. Con esse ha realizzato alcuni dei sorpassi più spettacolari ed imprevedibili dell’ultimo lustro. In Renault, nell’anno di esordio con la scuderia francese, il pilota ha avuto serie difficoltà ad adattarsi alla frenata della monoposto e la stagione di conseguenza è stata poco più che sufficiente. Sarà quindi fondamentale per il primo pilota McLaren adattarsi il prima possibile al nuovo sistema frenante.

Ma cos’è la frenata per Daniel Ricciardo, oltre che un mezzo per effettuare staccate da paura? Il pilota ha fornito alcune nozioni tecniche: “Probabilmente la frenata è un solo feeling meccanico. Penso che anche altre cose come la macchina, i pedali e il posizionamento del sedile siano soltanto sensazioni fisiche”. 

Infine l’australiano lancia una critica all’aerodinamica delle ultime monoposto: “Per diminuire il carico aerodinamico le macchine hanno perso la loro maneggevolezza. Ho visto molte auto scivolare, quindi non penso abbiano raggiunto il giusto grip del posteriore. La maggior parte dei piloto sta soffrendo a causa di questi cambiamenti”.


Leggi anche:

https://f1ingenerale.com/f1-mclaren-chiude-i-test-allinsegna-dellaffidabilita-e-con-ottimismo/


Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Maira Osto

Autrice presso F1inGenerale, mi occupo di Formula 1. Tifosissima di Sebastian Vettel e alfista dalla nascita, possiedo una pagina instagram proprio sulla F1. Seguitemi tutti su @singing.of.engines !