F1 | Ricciardo su Schumacher “Non è in Formula 1 solo per il nome”

Per Daniel Ricciardo non ci sono dubbi sul talento di Mick Schumacher: il tedesco non è in F1 solo grazie al pesante cognome.

F1 Ricciardo Schumacher
Daniel Ricciardo, McLaren, in the pit garage

Daniel Ricciardo, attualmente alla guida di una McLaren, è stato intervistato dal settimanale sportivo tedesco Sport Bild, parlando del debutto in F1 di Mick Schumacher. Il pilota italo-australiano ha infatti discusso, tra gli altri argomenti, dei progressi in F1 di Schumacher dopo la prima metà della stagione in Haas.

Daniel Ricciardo non ha dubbi, il posto che occupa Schumacher in F1 è più che meritato e non arriva dal pesante cognome che Mick porta con sé. Per l’australiano infatti, Schumacher possiede molte qualità, fra cui un’ottima guida, talento ed energia, che fanno di lui un ottimo pilota.

“Non voglio che nessuno pensi che Mick Schumacher sia in Formula 1 solo per il suo nome. Tutto quello che vedo da lui dimostra che si è guadagnato il suo posto qui con noi. Lavora ogni giorno molto duramente e sono impressionato da tutti i suoi progressi”.

Leggi Anche:

F1 | Il GP del Giappone è stato cancellato dal calendario 2021

“La prima volta che ho incontrato Mick Schumacher era nel 2016, ad una partita di calcio di beneficenza. Da subito ho avuto subito la sensazione di voler solo essere gentile con lui. Ho per lui e per suo padre un profondo rispetto, Michael è una leggenda” – ha detto il pilota della McLaren, come riportato dai media tedeschi.

Ricciardo poi, è tornato a parlare anche delle trattative avute nei mesi passati con la Ferrari, raccontandone i retroscena. Fra l’australiano e la Scuderia Ferrari, infatti, ci sono state diverse chiacchierate per un possibile passaggio alla scuderia di Maranello, tutti tentativi poi però naufragati. Al suo posto è stato infatti scelto Carlos Sainz, che sembra essersi rivelato un’ottima scelta per l’armonia del team.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.