F1 | Riunione dei motoristi in Austria: presenti anche Audi e Porsche. Un futuro nella massima serie per loro?

Il futuro della F1 verrà discusso al Red Bull Ring. In Austria organizzata, infatti, una riunione per i motoristi, in cui saranno presenti anche Audi e Porsche.

riunione motoristi Audi Porsche
crediti: corriere.it

La Formula 1 vuole definire gli ultimi dettagli riguardo le power unit del futuro. Il 3 luglio verrà organizzata una riunione con i grandi motoristi a Spielberg: a sorpresa, saranno presenti anche Audi e Porsche. Il concept per il motore del futuro deve essere definito quest’anno e sostituirà quindi l’attuale tecnologia ibrida fino al 2025. I produttori rappresentati in Formula 1 e coloro che potrebbero volerlo diventare sono al tavolo delle trattative con i loro team da mesi ormai. Ci sono ancora domande fondamentali cui rispondere, come: quanto dovrebbe costare il motore? Quanto dovrebbe essere alto il budget cap per i produttori? Quali componenti dovrebbero diventare parti standard e quali no? Quanto dovrebbe essere grande la quota di energia elettrica?

Controversie sulla copertura dei costi

È stato determinato un solo parametro. Il motore a combustione deve funzionare con carburante CO2 neutro. L’idea è quella di mantenere dei V6 alimentati da carburanti ecologici. In realtà, con molta probabilità si punterà ad avere una batteria più grande, per un maggiore recupero di energia. Non è del tutto esclusa neanche l’idea di un passaggio alle quattro ruote motrici, con un motore elettrico che alimenti le ruote anteriori. Altre soluzioni sarebbero troppo costose.


Leggi anche:

F1 | Alonso: “Hamilton non è mai stato imbattibile, Verstappen può dargli filo da torcere”


A riguardo del budget cap, Red Bull si immagina circa 80 milioni di dollari. “Il prezzo e il limite di costo dipendono fortemente dalla tecnologia utilizzata”, avverte Ferrari. Rispetto alla casa di Maranello e a Red Bull, gli altri motoristi ritengono più realistico un limite di budget di 120 milioni. Le trattative che la FIA e la Formula 1 condotte finora con i direttori sportivi hanno seguito tutte lo stesso schema. In linea di principio, tutti sono d’accordo su ogni cosa che viene detta. Non appena si entra nei dettagli, la sfiducia domina le discussioni. Ogni suggerimento viene controllato per vedere se è compatibile con le proprie idee. Nessuno vuole cedere un vantaggio alla concorrenza (come è normale che sia).

Presenti anche Audi e Porsche

Fritz Enzinger, coordinatore sportivo del gruppo VW, conta ora sull’incontro che avverrà questo 3 luglio. C’è una maggiore possibilità di concordare obiettivi comuni. I motoristi incontreranno, sabato prossimo, il presidente della FIA Jean Todt e i boss della Formula 1 Stefano Domenicali e Ross Brawn. Ola Källenius presente per Mercedes, John Elkann per Ferrari, Luca de Meo per Renault e Dietrich Mateschitz per Red Bull. Al tavolo ci sono anche il capo dell’Audi Markus Duesmann e il CEO di Porsche Oliver Blume.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.