F1 | Roberto Mehri: “Date ad Alonso una m… e la farà andare veloce!”

L’ex pilota della Marussia ha elogiato le doti di Fernando Alonso in Formula 1 parlando al quotidiano spagnolo “Marca”. E non ha risparmiato qualche frecciatina…

Ex-F1 driver Roberto Merhi splits with MP Formula 2 team

Un passato tutt’altro che prosperoso per Roberto Mehri, ex pilota della Marussia nel 2015 e nemmeno per l’intera stagione. Zero punti, monoposto totalmente inaffidabile e null’altro che qualche lotta nelle retrovie. Al quotidiano spagnolo “Marca” però, Mehri ha avuto modo di elogiare un collega spagnolo che rispetto a lui ha avuto ben altri risultati.

Senza utilizzare mezzi termini, il pilota di Castéllon ha esaltato le doti del collega: “Date una m**** ad Alonso, intesa come auto, e lui la farà andare velocissima”. E fa invece autocritica su sé stesso e su un altro pilota spagnolo, Carlos Sainz: “Entrambi abbiamo bisogno di trarre il 100% dalla macchina per andare veloci. Carlos aveva iniziato bene nel campionato europeo di Formula 3 e nel campionato Renault, poi, come me, è calato a causa delle prestazioni del mezzo”.

Mehri ha spaziato anche su altri colleghi, oggi in Formula Uno. Due in particolari: Bottas e Ricciardo. Non risparmiando frecciatine. “Quando ho esordito avevo 16 anni e loro 18, e l’età fa la differenza. Ricciardo è stato gentile con me, ha detto che sono stato il pilota più sottovalutato di quelli contro cui ha corso. E’ freddo soprattutto nei sorpassi, gliel’ho sempre riconosciuto. Abbiamo avuto tante battaglie. Diciamo che lui era il più bravo, io il più aggressivo e sinceramente Bottas quello meno bravo in gara. E infatti si vede anche oggi…” .

Mehri ne ha anche per Vettel: “Lui e Bottas paiono in grado di vincere solo se scappano via. Non reggono la pressione della battaglia. Ricciardo ha perso la battaglia psicologica, anche se tutti e tre abbiamo avuto duelli serrati, soprattutto io e Daniel che ha avuto sempre rispetto nel confrontarsi con me”

Seguici su Instagram

F1 | Ricciardo stila una lista dei 5 piloti più sottovalutati