F1 | Rosberg: “I team radio tra “Bono” ed Hamilton? Troppo confusionari, al posto di Lewis mi sarei sentito frustrato”

“Le comunicazioni tra Lewis e “Bono”?  Onestamente erano molto confusionarie, io come pilota mi sarei sentito frustrato” così Rosberg ha commentato i team radio tra Hamilton ed il suo ingegnere di pista nel corso del GP d’Olanda

Rosberg Hamilton
2021 Hungarian Grand Prix, Thursday – Steve Etherington

“Lewis? Non mi è piaciuto che il team è stato confusionario con lui in radio” a parlare è Nico Rosberg, ex pilota di F1 che, dopo il GP d’Olanda, ha parlato delle comunicazioni radio tra Hamilton e Mercedes. A detta dell’ex pilota tedesco, infatti, a mancare nei team radio tra l’ingegnere di pista ed il pilota sarebbe stata proprio una maggior chiarezza.

Chiarezza che, invece, lui avrebbe voluto se fosse stato al posto del britannico. Nel corso del GP d’Olanda, infatti, il team tedesco di solito campione per quanto riguarda le strategie ha dato segni di cedimento. A non convincere infatti è stata proprio la gestione della gara della Mercedes, troppo confusionaria e costellata di errori, soprattutto per quanto riguarda i pit-stop.

A parlarne è stato anche Nico Rosberg, ex pilota delle “Frecce d’argento“ che, nel corso di un’intervista al termine del GP, ha sottolineato quanto la gestione della gara di Lewis Hamilton sia stata confusionaria. “Onestamente non mi è piaciuto come Peter (l’ingegnere di pista del pilota britannico) ha parlato con Lewis”

Secondo me, infatti, gli ha dato delle indicazioni piuttosto confuse e quando manca la chiarezza non va bene. Se fossi stato io al posto di Hamilton mi sarei sentito parecchio frustrato. Personalmente, se devo essere sincero, avrei preferito delle informazioni più dettagliate come per esempio “dacci una guida pulita”, “ora devi spingere” oppure “adesso puoi rallentare”

“Questo “Bono” non lo ha fatto e credo che un pilota ne abbia bisogno” ha concluso Rosberg

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

F1 | Bottas, l’affettuoso saluto di Hamilton: “Ciao Valtteri, veloce e resiliente. Mancherai”