F1 | Rosberg vede rischioso per la Red Bull promuovere di nuovo Gasly

Sarebbe rischioso per la Red Bull promuovere nuovamente Pierre Gasly e metterlo al posto attualmente occupato da Sergio Pérez, secondo Nico Rosberg.Pierre Gasly Red Bull Rosberg

Sarebbe rischioso per la Red Bull promuovere nuovamente Pierre Gasly e metterlo al posto attualmente occupato da Sergio Pérez, secondo Nico Rosberg. Pierre Gasly ha dimostrato di potercela giocare di nuovo. Il francese, è alla guida per il terzo anno consecutivo di un’Alpha Tauri, squadra in cui Helmut Marko ha deciso di portarlo a metà 2019. Ciò dopo che, a suo avviso il pilota francese non avesse soddisfatto le aspettative di casa Red Bull.

Nico Rosberg ha espresso il desiderio di rivedere  Gasly nel riconquistare un’opportunità nella squadra principale. Franz Tost, il boss di AlphaTauri, lo vede pronto per la Red Bull. La decisione finale, tuttavia, spetta, come sempre, a Helmut Marko, il capo del programma giovani piloti della Red Bull.


Leggi anche

F1 | Dal 2022 eliminata la regola di mescola obbligatoria per chi entra in Q3 durante le qualifiche


Il campione del mondo 2016 fa notare che il fatto di non avere ora un compagno di squadra così forte come Max che lo mette sotto pressione potrebbe averlo fatto tornare ai massimi livelli. Il tedesco ritiene però che possa trattarsi di una situazione temporanea ed esclude che il ritorno della Red Bull possa essere sinonimo di garanzia.

“Bisogna ricordare che la situazione che ha ora è completamente diversa mentalmente. Non ha più Verstappen al suo fianco nella stessa macchina e forse era quello il problema, non poteva affrontare mentalmente un compagno di squadra così forte”, ha detto Rosberg in dichiarazioni a Sky Germania. “Questo è il problema per Red Bull ed è per questo che probabilmente non hanno ancora preso una decisione. Sì, funziona per AlphaTauri, ma non è chiaro che possa fare lo stesso per Red Bull“, ha aggiunto Rosberg.

Rosberg non è convinto quanto Tost che promuovere Gasly sia nel migliore interesse della Red Bull. Il tedesco avverte che solo perché fa faville ora all’AlphaTauri non significa che farà lo stesso anche alla Red Bull.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.